Open data #digit16

| 29 Settembre 2016 | Tag:, , , , , , , , , ,

opendatamonitor_factsheet_may2015_sOpendata: se non c’è riuso non c’è utilità”. La creazione, gestione e adattamento dei processi relativi ai dati sono il cardine per ogni redazione. La redazione deve intendersi come la somma di fornitori, compositori e utilizzatori delle informazioni. Esse arrivano in forma di dati, saperli gestire e condividere è la chiave del successo.

 

dall’ Open Data HandBook

La full Open Definition spiega nei dettagli cosa questo significhi. Gli aspetti più importanti sono:

  • Disponibilità e accesso: i dati devono essere disponibili nel loro complesso, per un prezzo non superiore ad un ragionevole costo di riproduzione, preferibilmente mediante scaricamento da Internet. I dati devono essere disponibili in un formato utile e modificabile.
  • Riutilizzo e ridistribuzione: i dati devono essere forniti a condizioni tali da permetterne il riutilizzo e la ridistribuzione. Ciò comprende la possibilità di combinarli con altre basi di dati.
  • Partecipazione universale: tutti devono essere in grado di usare, riutilizzare e ridistribuire i dati. Non ci devono essere discriminazioni né di ambito di iniziativa né contro soggetti o gruppi. Ad esempio, la clausola ‘non commerciale’, che vieta l’uso a fini commerciali o restringe l’utilizzo solo per determinati scopi (es. quello educativo) non è ammessa.

La ragione fondamentale per cui è importante chiarire il significato di “aperto” e del perché utilizzare proprio questa definizione, può essere identificata in un termine: interoperabilità.

L’interoperabilità è la capacità di diversi sistemi e organizzazioni di lavorare insieme (Inter-operare). In questo caso, è la capacità di combinare una base di dati con altre.

L’interoperabilità è importante perché permette a componenti diverse di lavorare insieme. L’abilità di rendere ciascun dato un componente e di combinare insieme vari componenti è essenziale per la costruzione di sistemi sofisticati. In assenza di interoperabilità ciò diventa quasi impossibile – come nel mito della Torre di Babele, in cui l’impossibilità di comunicare (e quindi di Inter-operare) dà luogo a un fallimento sistemico della costruzione della torre.

ru-open-data-ig-eng
Di open data e loro uso e riuso parlerà a #digit16, Luca Corsato, co fondatore e amministratore di osd, impresa che promuove l’utilizzo di opendata come parte del modello di business e trasparenza interna incorporando la privacy nel processo di gestione. Luca Corsato sarà relatore al tavolo di lavoro sugli “open data” allestito nell’auditorium della Camera di Commercio di Prato il 21 ottobre dalle 15 alle 18. Per prenotazioni per giornalisti in cerca di crediti formativi Sigef. Per informazioni e prenotazioni per tutti digit.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • I numeri della sanità #digit16 I dati che riguardano la salute (e l'ambiente) molto spesso non sono facilmente accessibili e se lo sono spesso risultano incompleti. Solo attraverso il lavoro di un giornalista e le […]
  • Dalla catena di produzione all’economia della condivisione #digit16 La cosiddetta “rivoluzione digitale” sta cambiando il campo giornalistico e conseguentemente costringe a continui processi di riadattamento le organizzazioni redazionali. Probabilmente […]
  • Applicare il FOIA #digit16 Prima ancora che un problema giuridico, l’applicazione del Foia in Italia costituisce una sfida culturale, per tutti gli attori coinvolti. Certamente si tratta di una sfida importante per […]
  • L’accesso alle informazioni pubbliche Nell'ultima edizione di digit, che si è svolta nel settembre dello scorso anno a Prato presso la sede della Camera di Commercio, l'avvocato Ernesto Belisario esperto di diritto […]
  • Smart society in Smart cities #digit16 La cultura digitale deve andare di pari passo con l’evoluzione tecnologica non sono sufficienti le abilitazioni tecnologiche e quelle legislative per avviare il cambiamento, ma contano gli […]

I commenti sono chiusi.