Del cyberbullismo e dell’oblio #digit16

| 22 Settembre 2016 | Tag:, , , , , , ,

cyberbullismo_550Un contributo originale e un contributo condiviso da raccogliere, mixare e pubblicare al volo per provare ad informare su una questione delicata e difficile che ci investe in maniera totale come cittadini, come genitori, ma ancora di più come esseri umani meglio se pensanti. Si prova a raccogliere dentro i rigidi steccati di una legge una materia multidisciplinare che andrebbe compresa in profondità prima di essere normata, a nostro avviso. Ma non è il nostro di parere quello che vogliamo riportare, bensì quello ben più autorevole  di Giovanni Boccia Artieri, sociologo dei media digitali, e di Deborah Bianchi, avvocato ed esperto di rete e diritti applicati al web.

 

DDL CYBERBULLISMO: TUTELARE TUTTI PER NON TUTELARE NESSUNO. AFFOSSATO L’OBIETTIVO DELLA CITTADINANZA DIGITALE

di Deborah Bianchi

Il DDL sul cyberbullismo nasce ad opera della prima ideatrice, on. Elena Ferrara, quale strumento atto a promuovere i valori della “cittadinanza digitale” grazie a una rete sociale di prossimità costruita in modo olistico intorno al minore. I principi-cardine della PPL della prima stesura sono formazione, prevenzione, autoregolamentazione. Le misure di contrasto sono l’ammonimento nei confronti dei bulli oltre i 14 anni; la cancellazione dei contenuti lesivi e in difetto il ricorso al Garante Privacy che si pronuncerà entro 48 ore.
La PPL viene integrata dalle “Linee di orientamento per azioni di prevenzione e contrasto al bullismo e al cyberbullismo” dell’aprile 2015 a cura del MIUR che introducono nel DDL tutta la galassia formativa e preventiva attualmente vigente imperniata sull’importanza della segnalazione (telefono, chat, sms, whatsapp, skipe affinchè il minore possa scegliere la via più congeniale) degli Osservatori regionali che dovranno cedere il passo ai CTS (Centri Territoriali di Supporto) e del ruolo principe della scuola i cui insegnanti adeguatamente formati dovranno aiutare i discenti a diventare dei buoni “cittadini digitali”.

 

 

Il DDL bullismo e cyberbullismo seconda stesura stravolge la ratio della PPL introducendo repressione anziché autoregolamentazione, censura anziché formazione digitale, prevenzione per i minori ma non per gli adulti. Che senso ha estendere la normativa ai maggiorenni se per questi ultimi non è prevista nessuna forma di alfabetizzazione etica-digitale? Il lupo era il lupo ma il grande Francesco non l’ha bastonato ma l’ha educato.
Il DDL bullismo e cyberbullismo vuole bastonare i cattivi della Rete senza investire in cultura digitale. In merito agli adulti si rileva palesemente claudicante e squilibrato perché introduce solo repressione senza compensare con la indispensabile educazione alla cultura della “cittadinanza digitale”. Si potrebbe ipotizzare un apprezzabile sintomo di incostituzionalità del DDL per disparità di trattamento tra minorenni e maggiorenni in quanto i primi vengono ammessi a un’intera rete di formazione digitale mentre i secondi ne vengono assolutamente esclusi. L’educazione alla “cittadinanza digitale” e’ un obiettivo politico e sociale per tutti. Come si può pensare di escludere la maggior parte degli italiani? Nel DDL il fulcro irradiante della cultura digitale parte dalla scuola e chi ha lasciato i banchi da un pezzo come lo recuperiamo? Con le bastonate?

 

 

 

Il DDL oltre al reato di cyberbullismo istituisce il reato di bullismo generalista per minori e per adulti. Ma scusate: per i maggiorenni non abbiamo già lo stalking e il cyberstalking? Ben venga l’aggravante del 612 bis CP contenuta nella PPL ma chiamiamo le cose con il loro nome: il bullismo tra gli adolescenti, il mobbing sul posto di lavoro, il nonnismo nell’esercito, il capolarato nel lavoro degli immigrati, lo stalking in tutte le forme di persecuzione. Si poteva pensare di distinguere tra bullismo tra i ragazzi e stalking tra gli adulti ampliando quest’ultimo reato a tutte le condotte contemplate nella definizione di bullismo. Questo avrebbe implicato una conseguenza importante ovvero quella di lasciare i minori fuori dal penale perché anche il bullo ha bisogno di aiuto quanto la vittima.

 

Il DDL con l’estensione a tutti del reato di bullismo e cyberbullismo svuota di efficacia la PPL originaria. Non esistono le risorse umane ed economiche per far fronte alla valanga di segnalazioni che investirà i gestori e il Garante Privacy.

 

Possiamo fermarci solo per un momento a riflettere sulla portata pratica del DDL? A sostegno della legge viene previsto un budget annuo di € 220.000,00 per il 2016, 2017 e 2018 oltre ai bandi degli Uffici Scolastici Regionali per i progetti dedicati. Ritengo francamente che se i nostri politici e governanti riuscissero ad alfabetizzare digitalmente tutti i ragazzi italiani con queste somme potrebbero serenamente candidarsi al Nobel per la cultura della cittadinanza digitale.
In definitiva, il DDL tutela tutti per non tutelare nessuno perché il marasma di segnalazioni e di reclami affosserà le strutture di contrasto che non riusciranno ne’ a tutelare i giovani ne’ a tutelare gli adulti.

 

Proseguiamo la nostra narrazione sul DDL con un aggiornamento di poche ore dopo la pubblicazione di questo post:

Giovanni Boccia Artieri sarà a #digit16 il 22 ottobre fra le 11 e le 13 per parlarci di << snapchat per giornalisti >> assieme a Marianna Bruschi

Deborah Bianchi sarà a #digit16 il 21 e il 22 ottobre come relatore al tavolo tematico  sul diritto all’oblio dalle 10 alle 13

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Diritto all’oblio #digit16 Il parere degli studenti di scienze della comunicazione: Si è mai veramente dimenticati in rete? È possibile esercitare il proprio diritto all’oblio? E se si, in che […]
  • L’indice della civiltà digitale Cogliendo al volo una suggestione contenuta in una pezzo pubblicato nei giorni scorsi da Pier Luca Santoro su Datamediahub in cui veniva raccontata in estrema sintesi un'indagine globale […]
  • L’odio non è un’opinione Sempre più frequenti e numerosi i discorsi d’odio che serpeggiano nella rete. Nel 2014, l’Unar (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) ha registrato 347 casi di espressioni […]
  • La consapevolezza digitale in dieci mosse Per noi, come sa bene chi ci segue anche solo un pochino, la questione della consapevolezza, della cultura digitale, del capire prima di porre in essere nuove regole, nuove leggi, gabbie, […]
  • I dati siamo noi Si approssima l'autunno, pare sarà molto caldo, e non per questioni climatiche. Pare anche che il dibattito sul giornalismo abbia ripreso vigore in queste prime settimane di rientro al […]

I commenti sono chiusi.