Benvenuti a #digit16

| 21 ottobre 2016 | Tag:, , , , , , , , , ,

digit2016_21ottobre_ok_anso-eni_bassaSe “le conversazioni sono notizie “,  esistono ancora molti muri da abbattere e non ci riferieamo solo a quelli a pagamento o a membership proposti dalla filiera editoriale, sigh! Benvenuti a tutti, finalmente #digit16, quinta edizione, del festival nazionale dedicato al giornalismo digitale. Grazie di aver pensato che stare qui, di persona o in forma virtuale attraverso la visione dei nostri incontri in streaming fosse la cosa giusta da fare, anche solo per pochi minuti, oggi e domani. Il menu odierno prevede 10 wrkshp e  12 tavoli di lavoro, per un totale di 56 ore di formazione.  Nel corso degli incontri di oggi ci occuperemo di : social giornalismo, lingua italiana, second screen experience, figuracce digitali, istant articles, google, gestione delle emergenze, twitter, giornalismo e scuola digitale. I tavoli di lavoro saranno dedicati al macrotema dell’ufficio stampa digitale.

 

I nostri relatori affronteranno il tema declinandolo in svariate sfaccettature partendo dai dati (la prima ricerca ufficiale sulla consistenza degli uffici stampa nella pubblica amministrazione realizzata proprio in Toscana), scoprendo le diverse narrazioni, il foia, il diritto all’oblio, la gestione delle crisi aziendali e la preparazione e poi realizzazione delle conferenze stampa digitali, come si comunicano arte e turismo nel mondo digitale, la gestione delle campagne elettorali sul web e le tematiche dei dati aperti vera pietra angolare di tutta questa rivoluzione.

 

Proprio riflettendo sui dati aperti e le ultimissime evoluzioni intervenute nei giorni scorsi in questo campo vi invitiamo a condividere con noi  questo breve ma incisivo contributo sul tema, e buona giornata:

 

“È notizia di pochi giorni fa: Google News segnalerà con un bollino “fact check”. Quanto questo possa incidere sul lettore italiano è difficile da valutare, ma su quanto inciderà sui produttori di notizie lo si può prevedere. Tantissimo. La predominanza dell’opinione ha schiacciato l’informazione e l’editoriale è più uno strumento di condizionamento che di indirizzo. I dati sono il perno. Senza dati espliciti un’opinione ha valore solo nella sua forma ma non nella sua sostanza, ma quanto costa aggregare, analizzare e tradurre i dati? E, ancora peggio, quanto costano i dati stessi qualora fossero proprietà e asset di un grosso detentore? I giornali, sui dati, vivono un paradosso: detengono negli archivi una mole di dati che non riescono a mettere a valore; contemporaneamente chi lavora per i giornali è pagato troppo poco per perdere anche solo un’ora per cercare un database o ripulire un foglio di calcolo.

 

I dati aperti non sono la soluzione a tutti i mali, ma sono un vettore per creare relazioni e dipendenze: tra editori e giornali, tra giornali e lettori… e viceversa. “

 

 

digit2016_21ottobre_ok_anso-eni_bassa

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Le conversazioni sono notizie #digit16 La prima notizia è che il 21 e 22 ottobre si terrà a Prato presso la sede della Camera di Commercio la quinta edizione di digit, il festival del giornalismo digitale, ideato, organizzato e […]
  • #digit16 Prato 21& 22 ottobre Che cosa è digit? digit è la prima e unica, manifestazione nazionale interamente dedicata al giornalismo digitale e online. Capire il cambiamento, raccontare le novità, prospettare […]
  • La verità non sta dentro le gabbie Il gran parlare che si fa oggi  sulla verità, sull’aggettivo diventato improvvisamente sostantivo “post-verità”, e sulle fake news di Trumpiano esempio, ha creato, a nostro modestissimo […]
  • Esperienze di secondo schermo La second screen experience è, come viene molto bene definita da Lillo Montalto Molella in un capitolo specifico ad essa dedicato del suo libro " Real time journalism ",  : << un […]
  • Analisi sociologica dell’uso di twitter #digit16 Il 52% dei giornalisti italiani ha un account Twitter. Almeno fra quelli delle 28 testate analizzate nella ricerca che verrà presentata a #digit16. L’indagine, la prima condotta in Italia, […]