Esperienze di secondo schermo

| 21 dicembre 2015 | Tag:, , , , , , , , , , ,

Second-Screen-ResearchLa second screen experience è, come viene molto bene definita da Lillo Montalto Molella in un capitolo specifico ad essa dedicato del suo libro “ Real time journalism “,  : << un secondo schermo che completa l’esperienza della visione per lo spettatore multitasker, che non perde occasione di gestire  la propria reputazione inserendosi nella discussione di una comunità legata dagli stessi interessi >>.  Di questo espediente comunicativo si parla da tempo anche in Italia.  Una lunga e interessante riflessione sul tema, più legata ai mercati che al giornalismo,  è stata realizzata  nel lontano 2012 sul blog di Davide Pozzi Tagliaerbe da Marco Ziero.  Oltre al libro di Lillo Montalto Molella un altro libro è stato scritto in Italia sul tema della social tv in cui si parla anche di second screen experience. Lo ha scritto la sociologa  Lella Mazzoli e si intitola  ” Cross news “.

In campo giornalistico, come segnala lo stesso Lillo Montalto Molella nel suo libro, uno dei primi esperimenti di second screen experience è stato effettuato da Michele Santoro a Servizio Pubblico in occasione del faccia a faccia in studio con Silvio Berlusconi del febbraio 2013.

 

 

Il primo schermo, cui l’esperienza second screen fa riferimento, è quello della Tv, il secondo schermo è quello del device digitale che utilizziamo in quel particolare momento  per realizzare questa esperienza condivisa: smartphone, tablet, pc. Il luogo/ambiente digitale in cui questa esperienza si realizza è un social media, preferibilmente Twitter. Perchè il social dell’uccellino e non altri? In realtà vanno bene tutti, ma Twitter ha  la peculiarità dei 140 caratteri obbligatori che lo rendono perfetto sia a causa della sua facilità e snellezza di uso sia per realizzare  un ulteriore, (forse l’ultimo?) livello di integrazione possibile fra primo e secondo schermo. I 140 caratteri ben si prestano per  la pubblicazione sul primo schermo delle conversazioni realizzate online dagli utenti in diretta durante il programma televisivo in corso di svolgimento. Portare il contraddittorio fra primo schermo e secondo schermo dentro la trasmissione principale che ha dato origine al dibattito.  In altri termini chiudere il cerchio della comunicazione/interazione fra emitente e utente in ossequio ad uno dei primi e più solidi principi della cultura digitale: la comunicazione circolare. Un’opportunità che qui suggeriamo e che al momento in Italia quasi nessuno ha utilizzato per davvero, certamente non in campo giornalistico.

 

 

Il caso Eni vs Report andato in scena domenica 13 dicembre parallelamente su Rai 3 e su Twitter ha tutte le carte in regola per diventare un case study della nuova cultura digitale per la modalità di gestione della comunicazione  di crisi e tutela della reputazione online.

 

Una strategia probabilmente predisposta in anticipo e portata avanti con professionalità, quella di ENI. I contenuti: infografiche, dossier e dati adatti al canale scelto, che è twitter;  non una piattaforma di massa, ma la più appropriata per intercettare gli influencer. Non più un comunicato stampa inviato con preghiera di pubblicazione, ma una controffensiva a colpi di tweet sfruttando proprio la second screen experience.

 

 

A distanza di una settimana il dibattito continua:  dov’è il giornalismo in tutto questo? Viene a mancare l’intermediazione? Cosa succede se le fonti parlano da sole? Il mondo dell’informazione deve fare i conti con nuove interazioni, sempre più dirette e in diretta nella Social TV? Qual è, alla luce di questa ultieriore evoluzione dei fatti,  la differenza fra informazione e comunicazione?

 

 

Ma in tutto questo…che fine ha fatto la notizia? Abbiamo provato a raccogliere  riflessioni, commenti,   tracce delle conversazioni scaturite a margine di questa storia in questo storify curato e realizzato da Leila Zoia.       …CONTINUA…(sicuramente)

 

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Second Screen #digit16 La second screen experience è, come viene molto bene definita da Lillo Montalto Molella in un capitolo specifico ad essa dedicato del suo libro “ Real time journalism “,  : << un […]
  • Benvenuti a #digit16 Se "le conversazioni sono notizie ",  esistono ancora molti muri da abbattere e non ci riferieamo solo a quelli a pagamento o a membership proposti dalla filiera editoriale, sigh! […]
  • La verità non sta dentro le gabbie Il gran parlare che si fa oggi  sulla verità, sull’aggettivo diventato improvvisamente sostantivo “post-verità”, e sulle fake news di Trumpiano esempio, ha creato, a nostro modestissimo […]
  • Social politica e dintorni: la comunicazione digitale Nella terza parte del nostro dossier sulla politica e la comunicazione ai tempi dei social abbiamo provato ad aggiungere una serie di notizie di pubblica utilità sulle figure professionali […]
  • Le conversazioni sono notizie #digit16 La prima notizia è che il 21 e 22 ottobre si terrà a Prato presso la sede della Camera di Commercio la quinta edizione di digit, il festival del giornalismo digitale, ideato, organizzato e […]

I commenti sono chiusi.