Usa: la sorveglianza di massa paralizza le fonti e schiaccia il giornalismo investigativo

| 11 ottobre 2013 | Tag:, , , ,

Nsa

Una sorveglianza di massa del tipo di quella attuata dalla NSA produce un effetto scoraggiante sul giornalismo , perché le fonti non se la sentono di avere una conversazione privata con un giornalista. Questo è il messaggio che un gruppo di studiosi, giornalisti e ricercatori della Columbia Journalism School e del  MIT Center for Civic Media, hanno affidato a un documento pubblicato sul Review Group on Intelligence and Communication Technologies messo in piedi dal presidente Obama.

 

La lunga lettera (15 pagine) – spiega il Tow Center for digital journalism – sostiene che la sorveglianza di massa è dannosa per il giornalismo e in contrasto con il diritto e la politica attuali. E va avanti documentando gli effetti deprimenti già ottenuti e i danni reali che già si sono verificati .

 
“Detto senza mezzi termini, quello che la NSA sta facendo è incompatibile con la legge attuale e con la politica di tutela della riservatezza delle fonti dei giornalisti. Non si tratta solo di una semplice incompatibilità nello spirito delle cose, ma di una serie di forti e specifici contrasti tra le attività di intelligence e le norme del diritto, la politica e la pratica del resto del governo . Inoltre , il clima di segretezza che circonda le attività di sorveglianza di massa è di per sé dannoso per il giornalismo, visto che le fonti non possono sapere quando vengono monitorate e se i dati intercettati possono essere utilizzati contro di loro . ”

 

La lettera documenta come l’ attività di sorveglianza delle reti telefoniche e di internet da parte della NSA siano in contraddizione con la recente politica del Dipartimento della giustizia. Il Dipartimento ha diffuso in luglio delle linee guida  in materia di accesso alle conversazioni fra i giornalisti e le loro fonti, dopo lo scandalo delle intercettazioni all’ AP. Le nuove linee guida dicono che ” il Dipartimento considera l’ uso di strumenti per raccogliere prove a carico dei media solo come una misura straordinaria’’ e impone di notificarlo anticipatamente ai giornalisti, per dare loro la possibilità di contestare l’ iniziativa. E prevedono l’ approvazione del procuratore generale per perquisizioni e sequestri.

 

La NSA opera con la massima ampiezza. Essa raccoglie e archivia in via preventiva le registrazioni di tutte le chiamate effettuate dai o ai giornalisti , bypassando indisturbata sia la necessità di notifica che le disposizioni relative all’ autorizzazione da parte del Dipartimento della giustizia. La NSA opera con delle procedure di ” minimizzazione ” destinate a proteggere la riservatezza delle comunicazioni degli americani ottenuta attraverso una sorveglianza senza mandato, ma queste regole contengono una importante eccezione : la NSA può fare rapporto su diversi tipi di crimini alle autorità di contrasto .

 
La lettera sostiene che questo doppio standard è intollerabile : ” ci devono essere un insieme di  regole che devono proteggere le comunicazioni giornalisti-fonti’’. I firmatari rifiutano la logica della Foreign Intelligence Surveillance Court  quando essa afferma che la raccolta di informazioni di carattere globale non è diversa, dal punto di vista della privacy, dalla raccolta di informazioni su individui specifici.

 

” La sorveglianza di pressoché tutti ha degli effetti che vanno al di là della sorveglianza dei soli giornalisti… Ma per avere una stampa libera dobbiamo proteggere i mezzi con cui il giornalista comunica. Al momento attuale , la NSA ha reso impossibile la comunicazione elettronica privata”.

 

Questo stato di cose ha reso le fonti molto nervose e riluttanti quando si tratta di parlare con i giornalisti. Redattori di testate come l’ Associated Press , il Washington Post , il New York Times , e il Center for Public Integrity hanno riferito di recente effetti molto negativi . Come citato in un Rapporto appena pubblicato del Committee To Protect Journalists, il redattore del New York Times esperto di sicurezza nazionale, Scott Shane, così descrive il problema:
 

“C’è una zona grigia tra informazioni segrete e non, e la maggior parte delle fonti stanno in questa zona grigia. E hanno paura di stare là. Tutto ciò sta avendo un effetto deterrente. Se riteniamo che una copertura giornalistica aggressiva delle attività di governo sia alla base della democrazia americana , tutto questo sta facendo pendere la bilancia pesantemente a favore del governo”.

 

La sorveglianza di massa non è solo un rischio teorico per una stampa libera , ma ha già degli effetti reali, che stanno impedendo ai giornalisti di fare il loro lavoro .

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.