Snowden da Mosca rompe il silenzio e si difende sostenendo di non aver messo in pericolo la sicurezza Usa

| 19 ottobre 2013 | Tag:, , , ,

Snowden

Edward Snowden , l’ ex contractor della NSA che ha rivelato i piani segreti di sorveglianza di massa praticati dai servizi di sicurezza americani, ha parlato alla stampa per la prima volta dopo aver ottenuto asilo in Russia. James Risen, del New York Times,  lo ha contattato utilizzando delle “comunicazioni online criptate”. Lo riporta Arstechnica.com.

 

 


Snowden  continua a sostenere che le sue rivelazioni hanno aiutato, e non danneggiato, la sicurezza degli Stati Uniti. “Continuare a mantenere il segreto su quei programmi avrebbe rappresentato un pericolo maggiore della loro divulgazione’’, ha detto.

 

E insiste sul fatto che i documenti sono trapelati solo ai giornalisti, e che non vi è mai stato più di uno zero per cento di pericolo che potessero cadere nelle mani dei governi russo o cinese.

 

Attualmente , i documenti relativi alla NSA sono tutti nelle mani dei giornalisti, ha spiegato, aggiungendo di non averne nemmeno una copia. ‘’Volevo restare del tutto distaccato dal processo relativo alla loro pubblicazione’’, ha detto ed infatti erano state adottate delle misure per fare in modo che non ci fossero interferenze sul lavoro dei giornalisti.

 

Snowden ha anche escluso che una nota negativa nel suo fascicolo personale della CIA (di cui aveva parlato nei giorni scorsi il NYT) , fosse collegata alla vicenda della NSA, sostenendo che era stata invece il frutto di un ” piccolo battibecco via email” con un dirigente .

 

La rappresaglia per questo piccolo episodio è stata una delle cose che hanno spinto Snowden a diventare una ‘’gola profonda’’ convincendolo che la strada del cambiamento dal di dentro si sarebbe rivelata inutile. Eventuali tentativi di segnalazione di irregolarità ” sarebbero stati sepolti per sempre “, ha detto al New York Times , e lui sarebbe “stato screditato e rovinato”.  ” Il sistema non funziona”, ha aggiunto, perché “la segnalazione di una cosa che non funziona deve essere fatta proprio a chi è il principale responsabile di quella cosa”.

 

La decisione di agire – ha raccontato –  si è consolidata a poco a poco. Alla fine, ha deciso di parlare dopo aver visto un rapporto dell’ Ispettore generale sul programma di intercettazioni senza mandato, ha spiegato al Times . Il rapporto risale al 2009 , ma Snowden non ha precisato quando l’ ha letto.
“I programmi che vengono implementati in segreto , fuori da ogni possibile controllo pubblico, hanno carenza di … legittimità , e questo è un problema”, ha aggiunto. “Costituisce anche una normalizzazione pericolosa il ‘governare al buio’ , in cui decisioni di enorme impatto sui cittadini avvengono senza alcun intervento pubblico”

 

 

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.