Next Media Report, per raccontare il futuro dell’ informazione

| 9 gennaio 2013 | Tag:, , , , , , ,

Due giovani giornaliste, sette città, un blog per raccontare come sta cambiando il mondo della stampa e dei media.

E’ il progetto Next Media Report, che Natascha Fioretti ricostruisce in un ampio articolo sul sito  dell’ Osservatorio europeo di giornalismo.

 

Le due giornaliste sono Amrai Coen, classe 1986, già redattrice allo Spiegel per la redazione multimediale, oggi giornalista per il settimale Die Zeit, e Caterina Lobenstein, classe 1983, eletta tra i migliori trenta giovani giornalisti tedeschi dal Medium Magazine.

 

Il loro obbiettivo – spiega Fioretti – è cercare di rispondere in maniera approfondita ad alcune domande per capire bene come il giornalismo tradizionale stia evolvendo verso quello digitale: come si racconteranno le notizie in futuro? Come si cercheranno le notizie? Come si potranno fare profitti con il giornalismo digitale? Per trovare le risposte hanno chiesto a giornalisti, blogger, pionieri di twitter e dei social media che osano e sperimentano. E partendo da Amburgo sono andate a San Paolo, New York, Tokio, Mumbai, Cairo e Londra.

 

Un aspetto molto interessante è che il progetto è stato finanziato da una struttura metà privata e metà pubblica, ‘’Next Media’’, nata all’ interno dell’ associazione Hamburg@work promossa dal ministero della città in collaborazione con le imprese del territorio (più di 650).

 

Next Media – aggiunge l’ Ejo – si propone di promuovere una discussione ed un confronto attorno a tre principali temi: Social Media,  Storytelling e Crossmedia. Lo scopo è quello di gettare ponti tra i cosiddetti “old media” e i “new media” indagando i cambiamenti in atto grazie alla digitalizzazione. Una Public-Private partnership nata nel 1997 con lo scopo di sostenere lo sviluppo della metropoli mediatica di Amburgo incentivando la conoscenza e l’utilizzo delle nuove tecnologie applicate al campo dell’ informazione e della comunicazione.

 

L’ articolo di Natasha Fioretti è qui.

 

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.