La non notizia della sparizione del punto da Lastampa.it

| 23 dicembre 2013 | Tag:,

lastampaIn un momento di grande difficoltà per le testate tradizionali, queste stanno cercando di inventarsi ogni tipo di iniziativa pur di far parlare di loro nella difficoltà di far crescere i propri visitatori unici. Una di queste iniziative per fare comunicazione è una non notizia che arriva da La Stampa.

 

Da oggi questo sito si chiama solo La Stampa, scompare il suffisso “punto it” e questo ci racconta che siamo finalmente arrivati al traguardo di un lungo percorso di integrazione tra la carta e il digitale. Per troppo tempo, le “redazioni Internet” sono state organismi separati rispetto al resto della vita di una testata: da una parte c’era la carta, che grazie alla forza della tradizione occupava la gran parte dello spazio, delle energie e delle risorse, dall’altra il sito web relegato in una parte marginale e lontana del giornale.

Da un anno ormai, da quando La Stampa ha una nuova sede, non esiste più distinzione fisica tra le due parti della nostra informazione: carta e digitale condividono spazi, riunioni e giornalisti. E’ stato un cammino di integrazione che ha trovato le basi pratiche in un nuovo sistema editoriale che permette di scrivere indifferentemente per la carta, il sito, i tablet, gli smartphone e ogni nuovo dispositivo che verrà e così le notizie oggi sono “libere” di circolare da una piattaforma all’altra, perché l’informazione nell’era digitale vuole essere libera da vincoli.

.
La non notizia è proprio che La Stampa è stato fin dall’inizio il brand del dominio La Stampa, poi per anni manager e giornalisti dell’ azienda hanno inventato prima StampaWeb e poi Lastampa.it ed ora si ritorna al brand originale. Un ritorno alle origini, nulla di più.

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.