La crisi a Linkiesta: e i blogger?

| 21 febbraio 2013 | Tag:, , , , , ,

Linkiesta
Alle varie voci che stanno accompagnando la crisi ai vertici di Linkiesta (qui la lettera di dimissioni del direttore Jacopo Tondelli; qui una ricostruzione del Fatto quotidiano) si aggiunge anche quella dei blogger che collaborano con la testata e che, attraverso una di loro, denunciano  il silenzio sul loro contributo alla vita del giornale e della piattaforma.

 

Aggiornamento.

Una sessantina di blogger de Linkiesta intanto hanno pubblicato una lettera aperta diretta  ai componenti del Cda e al nucleo di promotori dell’iniziativa editoriale non presenti nel Consiglio, chiedendo ai vertici della testata di ”tornare sui propri passi, dando risposta urgente ai quesiti formulati ieri dalla redazione” e annunciando che, ”fino a quando ciò non avverrà, tutte le nostre attività rimarranno sospese”.

 


Raja Elfani, blogger franco-tunisina,  è intervenuta sul suo blog  (‘Glob’), con un articolo dal titolo Linkiesta e la pecca del giornalismo. E ora?’’, definendo il ruolo dei blogger

 

Un apporto analitico fondamentale ma sottaciuto in quanto tale dalla redazione. Un errore di fondo mai affrontato, una deontologia tradita in silenzio e per finire – perfino in questa occasione di crisi dichiarata – una mancanza paradossale di trasparenza. Eppure Linkiesta è una piattaforma fondata su questo principio di sharing interno, di scambio reciproco, di patto tra redazione e voci libere.

 

Sulla funzione dei blog, la testata, continua Elfani,

 

 alternava da un po’ una linea strutturale con un’altra: una democratica e coerente che approfondisce apertamente le analisi della redazione linkando i post dei non vincolati, e un’altra in malafede che sorvola la competenza ritenuta casuale dei blogger.

È triste verificare su un portale web gli stessi sotterfugi che seppelliscono la disapprovazione altrove. La competizione tra giornalisti e blogger esiste, perché lasciarla sottintesa? Il blogging è la base di ogni giornale online, non solo forum di reazioni: Linkiesta deve prendere l’iniziativa di dargli uno statuto. Oltre la gradita ospitalità, ci aspettiamo una politica chiara, pensata per una forma di espressione in divenire, ancora senza diritti.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.