I quotidiani restano fonti di informazione rilevante anche per i giovani

| 7 luglio 2013 | Tag:, , , , ,

Millennials2

Nonostante la percezione secondo cui i giovani sotto i 30 anni starebbero abbandonando i giornali e i loro siti web a favore di altri strumenti di informazione digitali, alcune ricerche segnalano che i quotidiani sono ancora una fonte vitale di notizie per le persone di questa fascia d’ età.

 

Infatti – riporta Net News Check – circa il 57% delle persone fra i 18 e i 34 anni negli Stati Uniti leggono i giornali, su carta o online, durante la settimana media.

 

“Non c’ è dubbio che le persone che appartengono alle nuove generazioni tendono ad essere più attive nell’ uso dei media digitali nella ricerca delle informazioni che ritengono utili per la loro vita”, dice Jim Conaghan, della Newspaper Association of America. Ma ‘’i giornali continuano a perfezionare i metodi attuali e a inventarne di nuovi per raggiungere le generazioni più giovani attraverso le loro piattaforme digitali.”

 

Il New York Times – osserva Npr.org – spiega che il 10% dei suoi abbonati su carta sono nella fascia d’ età 18-24 anni, una percentuale analoga a quella degli abbonati dell’ edizione digitale (9%).

 

Un dato che NPR Research conferma, spiegando di aver avuto accesso ai dati della GfK MRI (Media audience measurement), raccolti attraverso un sondaggio individuale, secondo cui la lettura dei quotidiani fra I giovanni è molto più diffusa di quanto non dicano le statistiche.

 

I commenti sono chiusi.