Giornalismo investigativo: il progetto Omidyar-Greenwald al microscopio

| 19 novembre 2013 | Tag:, ,

Filloux-copPierre Omidyar, fondatore di Ebay e ora filantropo, investirà 250 milioni di dollari nella realizzazione di un sito di giornalismo investigativo insieme a Glenn Greenwald, l’ ex collaboratore del Guardian protagonista della  vicenda Snowden. 

In due articoli su MondayNote Fréderic Filloux ricostruisce, sulla base degli elementi emersi finora (non molti per la verità), il probabile profilo del nuovo sito cercando di individuare le soluzioni che ritiene migliori. Nel fare questo l’ analista mostra la maturità – ma anche la crudezza – raggiunta dal giornalismo online negli Stati Uniti, sia sul piano delle dotazioni tecnologiche che su quello del  modello economico.

 

Un aggiornamento completo e molto interessante del processo di avanzamento dell’ editoria online.

 

 

What to do with $250m in digital journalism?

 

Filloux-testinadi Frédéric Filloux

(Mondaynote – Parte prima)

 

Per un progetto di giornalismo digitale 250 milioni di dollari (185 mln di euro) sono un investimento serio. Finora non è chiaro se si tratta solo di un investimento iniziale oppure di una cifra che dovrebbe coprire le spese di un anno di gestione. Per fare un confronto, comunque,  lo staff di 1.300 persone del New York Times costa circa 200 milioni di dollari l’ anno, compresi i 70 milioni per la sola copertura internazionale (24 uffici nel mondo con 50 redattori). Ma la portata delle operazioni del NYT sono all’ estremo della scala.

 

Un esempio più realistico è il costo della testata non profit ProPublica che nel 2012 avrebbe raccolto poco più di 10 milioni di dollari da organizzazioni filantropiche e spende meno di quella cifra per mantenere una redazione di 30 persone.

 

Nessuno contesta che, giornalisticamente parlando, ProPublica sia una testata straordinaria e segua fedelmente la sua linea di “giornalismo per l’ interesse pubblico”, con cui ha raccolto due premi Pulitzer.
Il grande giornalismo può essere fatto a costi relativamente minimi, soprattutto quando si concentra su un segmento ristretto dello spettro delle notizie. Dall’ altra parte, come dimostra il New York Times, la dimensione e l’ ampiezza dei suoi input sono direttamente correlati ai soldi investiti nella sua produzione, provocando come risultato l’ esplosione della spesa.

 

Dal momento che sappiamo poco delle intenzioni di Pierre Omidyar (qui una intervista al NYT e un articolo sul progetto ), risparmio ai lettori delle mie MondayNote il solito pacchetto di calcoli, limitandomi alle linee generali di attività di una iniziativa editoriale molto ben finanziata.

 

Struttura del personale. Ancora una volta, ProPublica indica la strada: un relativamente piccolo gruppo di giovani redattori, guidati da giornalisti e scrittori esperti. Per questo Omidyar ha fatto scendere in campo il nome più ‘’caldo’’, l’ attivista e blogger del Guardian Glenn Greenwald , che ha giocato un ruolo di primo piano nella vicenda Snowden (il suo blog sul Guardian e un profilo sul NYT Magazine tracciato da  Laura Poitras, un altro personaggio chiave della vicenda Snowden) .

 

Una gerarchia molto stratificata è la piaga dei media tradizionali . L’ organigramma deve essere minimalista. Un team di gestione di cinque redattori esperti è sufficiente per guidare una struttura redazionale 24/365. Aggiungete un altro strato per le attività di produzione ed è praticamente tutto. Per quanto riguarda l’ organico complessivo, dipenderà dalla portata della copertura giornalistica. La mia ipotesi è che con una redazione di 100-150 persone, compreso il personale addetto alla produzione, si può fare un ottimo lavoro .

 

Niente  ‘’Gilde’’, niente sindacati (soprattutto alla francese), per favore. Dietro la facciata della loro ” lotta per il nostro popolo”, essi proteggono cinicamente le loro prebende, accelerando la crisi mortale del settore. In conseguenza, il campo viene lasciato aperto ai cosiddetti pure players – che tengono le persone in stalle, in fabbriche di contenuti riciclati.

 

In più, evitando qualsiasi tipo di contrattazione collettiva potranno avere la massima libertà di compensi senza dover affidarsi a gerarchie fasulle per giustificare le loro scelte. Inoltre, stipendi sopra-mercato dovrebbero scoraggiare il tradizionale ritornello dei dubbi etici. Infine, potrà essere applicata fin dall’ inizio una governance rigorosa in stile No-Kolkoz; la collaborazione e il dibattito intellettuale vanno bene finché non castrano le decisioni, lo sviluppo, l’ innovazione – e la velocità.

 

Un’ Accademia di Giornalismo 2.0. Credo fortemente nella formazione dei membri della redazione, giornalisti e non. Assumere giovani avvocati motivati​​, commercialisti, analisti finanziari, anche scienziati e insegnare loro il giornalismo è uno dei modi migliori per aumentare il livello di competenza in una redazione . Significa avere un po’ di  ”insegnanti” interni che possono documentare le migliori pratiche interne ed esterne e dispensarle su base permanente . Questo è quello che l’ eccellenza richiede.
Un direttorato per la tecnologia. Prendo in prestito di proposito il gergo della CIA o del FSB . Una moderna redazione dovrebbe trarre ispirazione dalle comunità di intelligence, con un piccolo staff di ingegneri di alto livello, hacker, crittografi, ‘’scavatori’’ di dati , specialisti di semantica. Insieme, essi raccoglieranno dati, proteggeranno le comunicazioni fra  il personale e le loro fonti , forniranno delle stazioni di lavoro sicure, computer portatili e server, costruiranno una infrastruttura di mirroring come precauzione contro le intrusioni governative . Questo è un lavoro complesso e costoso: significa stabilire collegamenti crittografati tra i vari centri, preferibilmente su una rete dedicata,  mettendo i server in paesi come l’ Islanda – un paese libertario e anche uno dei più collegati nel mondo . Mentre scrivevo questo, ho fatto un paio di ‘’ping’’ test, scoprendo che, dall’Europa , il tempo di risposta da un server islandese è due volte più breve che nel caso del New York Times!
Oltre ad assistere la redazione, il personale tecnico deve costruire un Content Management System sicuro, super-veloce e facile da usare. Molto probabilmente, il modo migliore si rivelerà essere un sistema hack WordPress – come Forbes, Quartz, AllThingsD  e molti altri hanno già fatto.

 

Qualunque sia la sua impostazione, esso dovrà essere caricato con un potente motore semantico , collegato a decine di banche dati che aiuteranno ad arricchire gli articoli con i metadati. Per lo stesso motivo, una redazione 2.0 dovrebbe avere il proprio ” aggrefilter “, un proprio Techmeme che monitorerà centinaia di siti web, blog e feed di Twitter e raccoglierà i servizi più importanti .

 

Questo potrebbe essere un potente strumento per la redazione (ne stiamo costruendo uno a Les Echos che favorirà prima di tutto la nostra redazione news).

 

Strumenti di analisi predittiva e rilevamento di segnali-rumore. Più ambiziosamente, una macchina di notizie ideale dovrebbe eseguire analisi volte ad anticipare / prevedere gli spasmi del ciclo di informazione. Pierre Omidyar e Glenn Greenwald dovrebbero acquisire o costruire una unità come la svedese Recorded Future (vedi Wired UK),  che viene utilizzata da grandi aziende e dalla CIA . Forse, più realisticamente, mettere a punto degli strumenti per analizzare e decifrare in tempo reale il “rumore” di Internet  ed essere in grado di rilevare anche “segnali di basso livello” potrebbe essere fondamentale per navigare efficacemente.

 

Parte seconda

 

Profit o non-profit ? Sicuramente profit! In primo luogo, il fondatore di eBay (vedi questo articolo su  The New Inquiry) mostra un appetito feroce per iniziative redditizie. E in secondo luogo, perché non c’è nulla come la stampa libera e indipendente più bisognosa di un forte lato business: la vulnerabilità finanziaria è il peggior nemico del giornalismo mentre il profitto produce scalabilità. Come fare i soldi, allora, con una nicchia ristretta  come il giornalismo investigativo? I capitali di Omidyar possono avventurarsi al di là del sistema di sovvenzione incrociata che hanno alimentato i media tradizionali per decenni? Questo fine settimana , in una intervista a FT.com, Henry Blodget ha giustificato il diluvio di titoli accattivanti comparsi su Business Insider dicendo: “Le sezioni ristoranti e automobilismo sosterranno l’ ufficio in Iraq… ”
Per questo, Omidyar ha di fronte una vasta gamma di scelte: potrebbe pensare a dei contenuti click-driven costruiti sulla collaudata equazione grande volume/annunci economici. Oppure potrebbe optare per quello che io chiamo il modello Porsche, quella in cui l’ attività più visibile ( in questo caso la fabbrica di auto sportive) porta solo un contributo marginale ai conti aziendali se comparata alle sue attività finanziarie: nel 2009, Porsche ha fatto 1 miliardo di dollari di profitto nella vendita di auto e quasi 7 miliardi di dollari  scommettendo sul magazzino Volkswagen. Più in concreto, il modello stile dotazione sembra naturale per un investitore dalle tasche profonde come Pierre Omidyar . La maggior parte delle università degli Stati Uniti stanno facendo bene con questo modello: viene investita una grossa somma di denaro, la dotazione, che produce abbastanza interesse per gestire le operazioni. Una cosa è certa: se vuole davvero andare contro le grandi multinazionali e la finanza, per proteggerlo dalle pressioni, Omidyar dovrebbe mantenere il suo modello di business scollegato dalla sua operazione editoriale.

 

Il giornalismo investigativo è un campo in cui il modello ad abbonamento può funzionare. In Francia, il sito web Mediapart offre un esempio chiaro. Noto fra l’ altro per le sue inchieste sui conti svizzeri nascosti del ministro del bilancio che hanno portato alle sue dimissioni, Mediapart mantiene una redazione di giornalisti esperti che lavorano su temi caldi . In cinque anni , ha raccolto quasi 80.000 abbonati paganti a 9,90 dollari al mese; il sito web punta a realizzare quest’ anno  6 milioni di euro ( 8 milioni di dollari ) di ricavi e un utile di 0,4 milioni di euro ($ 0,5 milioni). Possono sembrare piccole cifre, ma non sono così male per un mercato che è un quinto delle dimensioni di quello degli Stati Uniti. In proporzione con il grande mercato di lingua inglese, e supponendo che si muoverà in ambito globale piuttosto che con una copertura USA-centrica, la venture Omidyar-Greenwald potrebbe puntare su 500.000-800.000 abbonati nel giro di pochi anni , raggiungendo da 40 a  60 milioni di dollari di fatturato annuale.

 

Sul fronte del prodotto, il motto dovrebbe essere ‘’Tentare Tutto’’ – su più segmenti e piattaforme .

 

Ecco la possibile struttura del processo di produzione:

 

Filloux-tabella

 

Il Mobile dovrebbe essere in primo luogo un vettore di aggiornamento delle notizie. In una vicenda ancora in sviluppo -  ad esempio le audizioni sullo scandalo NSA -, i lettori vogliono citazioni, live blogging, immagini – tutta roba facile da cogliere mentre si è in viaggio. L’ obbiettivo deve essere creare dipendenza nel pubblico.
Le Newsletter meritano una particolare attenzione. Rimangono un vettore eccellente per diffondere le notizie e un driver di traffico potente. Ma questo richiede due condizioni: in primo luogo, devono essere attentamente progettate, scritte da esseri umani e non da robot; in secondo luogo devono essere eseguite come un’ operazione di e-commerce: una combinazione di email di massa e personalizzazione spinta sulla base dei dati di navigazione raccolti. Per un prodotto editoriale , questo significa creare delle mappature granulari di “profili semantici”, al fine di servire gli utenti con contenuti su misura. Se il progetto Omidyar-Greenwald manterrà le sue promesse, esso potrà offrire un flusso regolare di materiale esclusivo. Un sistema di posta elettronica sapientemente costruito  (sia editorialmente che tecnicamente) ha buone possibilità di diventare un must-read .

 

La profilazione dell’ utente deve consentire la creazione di diversi mercati verticali. A giudicare da chi si unirà all’ impresa (vedi articolo su CNet), la copertura vuole essere ampia: dalla sicurezza nazionale alla politica della Casa Bianca politica, i problemi sportivi, le libertà civili, gli affari militari, ecc.  Ecco, questo giustifica il lavoro sulla segmentazione dell’ audience, in quanto non tutti sono interessati agli stessi argomenti. Lo stesso vale per le estensioni del social web: più sono segmentate, meglio è.

 

Web TV. Se si vuole andare al di là dei gattini o degli scontri fra automobili, fornire contenuti televisivi sul web è più difficile di quanto sembri. Ma ” i programmi ” disponibili in Scandinavia mostrano che, per sviluppare delle storie, la Web TV può essere un ottimo sostituto della TV tradizionale in quanto permette la copertura contemporanea di più eventi. I telespettatori nordici amano ciò.
Fact -checking. Dal momento che il progetto Omidyar-Greenwald è costruito sulla fiducia e sulla trasparenza, si dovrà pensare a lanciare qualcosa in stile politifact.com, il sito web controllato dal Tampa Bay Times, che ha ottenuto un premio Pulitzer nel 2009. Un sito verticale di controllo e verifica dei fatti sulla sicurezza nazionale, sulla tutela della privacy e la protezione dei dati sarebbe sicuramente un successo

 

Altre lingue. Potrebbe essere difficile resistere alla tentazione di andare dietro al mercato cinese. Secondo Internet World Stats è di gran lunga il più grande mercato del mondo, con 538 milioni di persone collegate al web nel 2012 . Per una impresa multimediale che punta a sollevare il velo sulla corruzione, la Cina rappresenta un forte potenziale. Quanto al problema della censura, la sua elusione dovrebbe essere una sfida interessante per la squadra di hacker assoldati da Omidyar-Greenwald .

 

Una versione su carta? Sì . Sembrerà strano, ma io credo fermamente che un settimanale ben disegnato, di grande formato (tabloid o Berliner), distribuito solo su mercati ricchi, potrebbe completare la linea dei prodotti. La stampa rimane un grosso vettore di scelta per chi ama il giornalismo narrativo, le ambiziose scenografie giornalistiche con fotografie di grande impatto per un profilo di approfondimento o una storia di interesse pubblico .

 

Pensare globalmente. Il suo potenziale di presa in tutto il mondo è uno dei fattori più interessanti di questa impresa. Sarà di scarso interesse se non abbraccerà un approccio globale al giornalismo di interesse pubblico nelle grandi democrazie, ma anche in paesi privi ​​della libertà di stampa (una lunga lista). Creare un sistema, dagli standard elevati, di affiliazione per promuovere il giornalismo investigativo ovunque, indipendentemente dai vincoli economici e politici, dovrebbe assolutamente essere sulla tabella di marcia dei fondatori.

 

Be Sociable, Share!

2 Risposte “Giornalismo investigativo: il progetto Omidyar-Greenwald al microscopio”