Data journalism: una nuova piattaforma per la ricerca su grandi dataset

| 3 dicembre 2013 | Tag:, , ,

Detective.io

Journalism++,  una rete di giornalisti e sviluppatori di dati, ha messo a punto una piattaforma open source per la gestione di grandi insiemi di dati e la ricerca delle eventuali connessioni tra di loro.

 

Si tratta di Detective.io , che – spiega Journalism.co.uk – consente agli utenti di inserire grandi insiemi di dati, che prevalentemente fanno capo a singole persone o a organizzazioni, e traccia le relazioni fra di essi in un database facilmente consultabile.

 

L’ attività è partita dal campo della ricerca energetica collegando 36 progetti, 82 persone e circa 90 organizzazioni. Sul sito in particolare è stata messa a punto una funzione di ricerca – simile in qualche modo a quella che permette su Facebook di trovare persone – che ha consentito di verificare rapidamente le ipotesi circa le connessioni , relazioni e somiglianze tra i diversi agenti .

 

I prossimi progetti – ha spiegato a Journalism.co.uk Nicolas Kaiser-Bril, uno dei fondatori del progetto, che è finanziato dalla Fondazione Melissa e Bill Gates – riguardano un’ indagine sulla microfinanza nella Repubblica democratica del Congo e un’ inchiesta per memorizzare i dati sui migranti che muoiono nel loro cammino verso l’ Europa .

 

Journalism+ +  fornisce il servizio a pagamento per l’ inserimento dei dati per i vari progetti, ma il software di  Detective.io è open source in modo che qualsiasi redazione in possesso di un vasto insieme di dati può utilizzarlo per comprendere meglio il senso di quei dati.
“Abbiamo scoperto che c’ erano un sacco di persone in possesso di grandi quantità di dati ma che non sapevano cosa farne’’ e non erano in grado di realizzare da soli un processo complesso e specifico di incrocio e valorizzazione dei dati.  ”

 
Kayser-Bril fa l’ esempio di un’ organizzazione parigina che lavora sulla società civile in Bielorussia e che aveva un sacco di informazioni memorizzate in un blog WordPress. Non possono fare lavoro di mining o di visualizzazione, ma ora Detective.io potrebbe dare loro la possibilità di rendere leggibile tutto quel materiale.

 
Ci sono altre piattaforme disponibili – come Poderopedia Plug & Play e la VIS, una ‘data visualisation platform’, costruite per analizzare le relazioni fra le persone al potere – ma non erano di portata abbastanza grande, ha precisato Kayser-Bril.

 

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.