Come la de-newspaperization impoverisce le città Usa

| 3 agosto 2013 | Tag:, , , , , , , ,

De-newscopIl termine è brutto ma efficace: de-newspaperization. De-giornalizzazione.

 

Lo ha coniato Will Bunch, un giornalista esperto del Philadelphia Daily News, in un articolo – The De-newspaperization of America, appunto – pubblicato sul suo blog, Philly.com, e ripreso subito da varie testate online americane, fra cui The Atlantic.

 

Nelle sue riflessioni Bunch analizza il parallelismo fra il declino delle città (non metropolitane) e l’ agonia della vasta rete di quotidiani locali che è sempre stata una caratteristica rilevante degli Stati Uniti, un paese che ha sempre avuto poche testate nazionali.

 

Un declino che aggrava la situazione di abbandono in cui si trovano città un tempo grandi, come Detroit o Cleveland o New Orleans.

 

De-news2 E’ la situazione a cui ha fatto riferimento Barack Obama nell’ e-book intervista diffuso gratuitamente da Amazon e che – come ha rilevato Massimo Vincenzi su Repubblica – ha segnato l’ apertura di un nuovo fronte di intervento della comunicazione digitale della Casa Bianca.

 

OBAMA – ‘’Eravamo abituati ad avere quotidiani locali dovunque. Se uno voleva fare il giornalista, avrebbe fatto una vita discreta lavorando per il giornale della sua città.  Ora abbiamo poche testate che  fanno profitto, quelle nazionali, e i giornalisti sono costretti ad arrangiarsi per campare, spesso come freelance e senza gli stessi benefici che avrebbero con un lavoro regolare per un giornale. Quello che accade nel giornalismo accade anche nella produzione industriale e nel commercio al dettaglio. Dobbiamo accettare il fatto che quei tempi non torneranno’’.

 

Will Bunch:

 

Se non altro il presidente Obama ha sempre avuto uno squisito senso del  tempismo. Il giorno in cui questa intervista è stata diffusa, ai giornalisti del Plain Dealer di Cleveland – una testata-icona del giornalismo americano, che esce ogni giorno dal 1845 e ha vinto un sacco di premi nel corso degli anni – è stato ordinato di restarsene a casa e sedersi vicino al telefono. Si era saputo, grazie alle voci di corridoio, che ben 50 di loro sarebbero stati licenziati prima di pranzo. Che tristezza: cronisti che abitualmente lavorano per le strade di quartieri dominati da povertà e criminalità, fatti fuori da manager nascosti che non hanno i ‘’cojones’’  per parlare faccia a faccia. E’  questa l’ America, per voi e per me?

 

La de-giornalizzazione dell’ America alla fine va di pari passo con la deindustrializzazione dell’ America. I lavori di redazione, soprattutto quelli che  vengono pagati in maniera decente, stanno scomparendo in tutto il mondo – a causa della diminuzione del numero di lettori della carta e  del fatto che la pubblicità digitale non può sostenere completamente il giornalismo digitale. Ma le perdite dei posti di lavoro sembrano avvenire più velocemente  – e l’ effetto sul tessuto di una comunità già in difficoltà è di gran lunga maggiore – nelle arrugginite città-fabbrica in disfacimento della vecchia America.

 

Sta accadendo a Detroit – città in bancarotta e dove interi quartieri una volta assai vivi stanno diventando delle praterie e dove i giornali non vengono più consegnati tutti i giorni della settimana a un numero sempre calante di fattorie urbane.  

 

Sta accadendo lo stesso a New Orleans, dove l’ ex amato Times-Picayune viene ormai chiamato  “Sometimes Picayune” a causa della riduzione del numero delle edizioni e della distribuzione. I tagli più duri ai posti di lavoro e alla pubblicazione su carta sono venuti dalla Newhouse Advance Publications (un grosso gruppo editoriale Usa), in città come Birmingham (full disclosure-  ho lavorato lì nel periodo 1982-1985 … sigh), Harrisburg e ora Cleveland.

 

 Ironia della sorte, giornali che un tempo sopravvivevano e a volte fiorivano perché erano in grado di inseguire i loro lettori nelle periferie durante il ‘’volo’’ urbano degli anni ‘70 e ’80, mentre gli esattori delle tasse non ci riuscivano. Per un breve periodo di tempo, prima di Internet e quando avevano una presa monopolistica  sulla pubblicità locale, i giornali erano in grado di accendere una luce nel declino delle città americane e chiamare a raccolta la cittadinanza per l’ azione – spesso nel buio – mentre le altre istituzioni fallivano.

 

Quando Detroit ha presentato istanza di fallimento all’ inizio di luglio, un buona parte di colpa (e giustamente) è stata assegnata ai leader corrotti della città, come l’ ex sindaco Kwame Kilpatrick, poi arrestato. Ma non è stato detto che molti di questi scandali sono stati rivelati dai giornalisti del Detroit Free Press e del Detroit News, testate con redazioni piccole, che ora saranno probabilmente ancora più ridotte.

 

Una piccola storia su Cleveland: quando il paese all’ inizio dell’ anno è stato scosso dalla notizia che tre donne scomparse e presumibilmente morte erano invece state rapite dal ‘’mostro’’ Ariel Castro ed erano state liberate, mi è stato chiesto di scrivere della vicenda per il Daily News di Philadelphia. Non avevo mai sentito parlare di Amanda Berry, Gina DeJesus o Michelle Cavaliere prima della loro liberazione, e ho pensato che la loro scomparsa era stata ignorata dai media.
Ma a livello locale non era vero. La vicenda della scomparsa di due delle donne, Berry e DeJesus, in un cupo e dimenticato deserto urbano era stata tenuta in vita per anni da cronisti e commentatori del Plain Dealer giornalisti ed editorialisti dalla Piana, che avevano ripetutamente scritto su quel caso. Dai ritagli si vede che i giornalisti a volte erano più aggressivi delle autorità. Sono stato scosso da un fatto: che qualcuno (presumibilmente Castro) aveva usato il cellulare di Berry per chiamare la madre e dirle che era al sicuro una settimana dopo: una chiamata che è stata inizialmente liquidata come una bufala e non confermata dall’ FBI fino sette mesi più tardi, quando la pista si era raffreddata. Leggendo i ritagli del Plain Dealer mi sono accorto invece che la storia era tutta lì. Quando Berry finalmente è tornata libera, a maggio, ha detto ai suoi soccorritori, “Aiutatemi, sono Amanda Berry.”

 

In una città con un organo di informazione attivo e impegnato, lei sapeva che quelle parole significavano qualcosa. In futuro, a Cleveland, io non credo che la cosa si potrebbe ripetere. Il Plain Dealer la prossima settimana avvierà il suo piano: ridurrà la  consegna del giornale a domicilio a solo tre giorni a settimana (compresa la Domenica) e ridurrà quindi anche il flusso di informazioni nei quartieri più poveri, dove l’ accesso a Internet è in ritardo, in strade analoghe a quelle dove Berry, DeJesus e Cavaliere erano state rapite.

 

De-news1Mentre 50 giornalisti esperti stanno ricevendo le lettere di licenziamento,  il giornale ha pubblicato un annuncio per assumere nove nuovi giornalisti che avranno delle paghe sicuramente inferiori ma saranno certamente più giovani, con meno esperienza e conoscenza della storia intricata di una città americana che è stata una icona, anche se ora è sbiadita. I licenziamenti sono più di un terzo del corpo di una redazione già ridotta all’ osso , e più di quelli che il management del giornale aveva previsto: suggerendo che i manager, oltre ad essere vigliacchi sono anche bugiardi. E ‘un giorno molto molto triste – non solo per i giornalisti coinvolti, ma per tutti noi.

 

Per più di 40 anni, abbiamo visto città americane una volta grandi morire di abbandono, a causa di cattive politiche e di peggiori politici, e della cupidigia che spostava i posti di lavoro fuori città e anche oltre il mare – ma le cose sarebbero andate anche peggio se alcuni grandi giornalisti non fossero stati lì a far sentire ogni tanto la loro voce.  Ora anche questa eredità della rivoluzione industriale sta volgendo al termine. Ora possiamo solo chiederci: se una ciminiera cade in città e nessuno è lì per registrarlo, qualcuno ne sentirà il suono?

I commenti sono chiusi.