Digit 2013: attrezzi per giornalisti online.
Programma, seminari e informazioni utili

| 13 settembre 2013 | Tag:, ,

Il giornalismo digitale è da tutti considerato il futuro dell’informazione e della professione giornalistica. Dallo scorso anno in Toscana è nato Dig-It il primo e unico evento in Italia dedicato al giornalismo digitale che si svolgerà anche quest’anno a Firenze presso l’Auditorium di Santa Apollonia lunedì 16 e martedì 17 settembre. La due giorni è organizzata dall’Associazione Stampa Toscana in collaborazione con Digiti, Lsdi, l’Ordine Nazionale dei giornalisti, l’Ordine dei Giornalisti della Toscana, con il patrocinio della Regione Toscana.

 

L’ evento 2013 sarà interamente gratuito e prevede 7 panel suddivisi nei due giorni – che si terranno nella sala grande dell’auditorium – e  una serie di 12 seminari di formazione che si svolgeranno nella seconda sala del complesso a prenotazione obbligatoria sino a esaurimento posti. Buona parte dei posti per l’evento e per i seminari sono esauriti, ma ci sono ancora delle disponibilità. La partecipazione è gratuita, occorre iscriversi online all’evento.

 

Dig-it torna un anno dopo senza che niente di rivoluzionario sia ancora successo nel mondo del giornalismo italiano. Qualcosa è successo, in un anno la stampa analogica ha perso migliaia di posti di lavoro e di lettori. Quello che solo un anno fa veniva paventato come uno scenario possibile, anche se improbabile, la chiusura di decine di testate,  è diventata realtà.

 

Per cercare di dare ancora più sostanza al convegno abbiamo ristretto gli spazi concessi ai panel di discussione, e abbiamo affiancato ad essi brevi seminari di formazione professionale: Piccole lezioni di pratica giornalistica del presente o dell’immediato futuro.

 

 

Il Programma di Dig-It 2013

 

Lunedì 16 settembre

 

Mattino

Ore 9,00  Apertura lavori, saluti degli organizzatori e delle personalità

 

Ore 9, 30-11,00 Device e news, le tre dimensioni del giornalismo on line: le piattaforme, gli strumenti e i linguaggi
Coordina Vittorio Pasteris con Tommaso Tessarolo (esperto di comunicazione), Andrea Santagata (Banzai), Marco Giovannelli (Varese News) Marco Pratellesi (Gruppo l’Espresso), Federico Gelli (Parlamentare Pd).

 

Ore 11,15-12,45 Sperimentazioni giornalistiche LiveCoordina Marco Renzi con Andrea Fama, Rosy Battaglia, Isacco Chiaff, Alessio Cimarelli, Andrea Nelson Mauro.

Verrano presentate le tre sperimentazioni di giornalismo:

1) Cittadini Reattivi di Rosy Battaglia, Flavio Castiglioni e Claudio Spreafico
2) Ma chi me lo fa fare? Storie di giornalisti minacciati di Isacco Chiaff, Jacopo Ottaviani e Andrea Fama
3) Mar Mediterraneo tomba di migranti di Alessio Cimarelli e Andrea Nelson Mauro.

 

Ore 13,00-14,00 Pausa pranzo

 

Ore 14,15 Ripresa dei lavori e presentazione programma pomeridiano

 

Ore 14,30-16.00 Branded content marchette o giornalismo ?
Coordina Marco Renzi con Carlo Sorrentino (Università di Firenze), Davide De Crescenzo (Intoscana), Aldo Daghetta (Etalia) Giovanni Rossi (Fnsi), Paolo Pirovano (Segretario Ordine dei Giornalisti),  Gianfrancesco Apollonio e Claudia Nielsen (Provincia di Firenze).

 

Ore 16.30-18.00 L’analisi dei social network deve diventare adulta, i like non sono voti ne propensione all’acquisto
Coordinano Giovanni Boccia Artieri (Sociologo Università di Urbino)  Nicola Bruno (Effecinque) con Vincenzo Cosenza (Blogmeter), Pierluca Santoro (Il Giornalaio), Mario Tedeschini Lalli (Gruppo l’Espresso).

 

Martedì 17  settembre 2013

 

Ore 9.00 Riapertura lavori e presentazione della giornata

 

Ore 9.15-10.45 I tagli non salveranno il giornalismo: bisognerebbe investire. Chi  potrebbe dovrebbe farlo: gli editori, lo Stato, gli enti pubblici?
Coordina  Vittorio Pasteris con Marco Magrini , Anna Matteo (Sole24 Ore), Stefano Quintarelli (Parlamentare Scelta Civica), Enzo Iacopino (Presidente Ordine dei Giornalisti),  Cristina Scaletti (Assessore Regione Toscana), Simona Panseri (Google), Giovanni Rossi (Fnsi).

 

Ore 11.15-12.45 La memoria digitale: libri e giornali; interagire, dimenticare, rettificare, archiviare ?
Coordina Fabrizio Venerandi con  Daniele Minotti (avvocato) , Guido Scorza (avvocato), Roberto Dadda  (Evangelista delle tecnologie), Giampaolo Balboni (Telecom Italia), Luca Novarino (Memoro).

 

Ore 13,00-14,00 Pausa pranzo

 

Ore 14,15 Ripresa dei lavori e presentazione programma pomeridiano

 

Ore 14.30-16.00  Libri da web, idee analogico-digitali per indirizzare viandanti distratti
Angelo Cimarosti “Te la do io la notizia” , Renzi/Dani/Chieffi: “Wow working on web,  Lillo Moltalto Monella: “Real time journalism”, Silvia Bencivelli “Cosa intendi per domenica?”, Roberto Zarriello “Social Media Marketing”.

 

Ore 16.00 : Conclusioni e saluti: verso Dig-it 2014 e altro

 

 

I seminari di Dig-it 2013

 

  • Editoria on line fare, promuovere e vendere un e-book con Maria Cecilia Averame (Quintadicopertina)
  • Videoreporting for dummies con Angelo Cimarosti (Youreporter) e Paola Bacchiddu (l’Espresso on line)
  • Easy-web for journalist con Carlo Felice Dalla Pasqua (Il Gazzettino) e avv.Deborah Bianchi
  • Iniziative in syndacation:  dirette video, hangout, live blogging con Marco Giovannelli (Varese news)
  • Giornali giornalisti e comunità di riferimento con Lelio Simi (Senzamegafono)
  • Volleyvisioni: comunicare lo sport  con Fabrizio Rossini (vice direttore Lega volley maschile)
  • Gamification L’applicazione  delle tecniche di gioco a contesti non ludici con Pierluca Santoro (Il giornalaio)
  • Data journalism-notizie di dati a cura di Andrea Fama, Jacopo Ottaviani e Isacco Chiaff (Data journalists)
  • Multimedia Storytelling: raccontare per cambiare di e con Roberto Bonzio (Italiani di Frontiera)
  • Un tweet in cronaca: cinguettii professionali con Claudia Vago (Tigella)
  • Problematiche di privacy e sicurezza per giornalisti con  Igor Falcomatà (Sikurezza.org)
  • Logioshermes/Globaleaks e Tor con Marco A. Calamari (Centro studi Hermes)

 

L ’ evento sarà  online

 

 

Gli indirizzi utili in Rete

 

Il sito di Dig-It 2013
Per iscriversi a Dig-It

 

I commenti sono chiusi.