33.557 euro la retribuzione media del giornalista italiano nel 2012

| 2 novembre 2013 | Tag:, , , ,

Rapporto-cop E’ stato di 33.557 euro nel 2012 il reddito medio del giornalista italiano attivo, uno di quegli oltre 45.000 giornalisti, dipendenti o autonomi, con una posizione all’ Inpgi.

 

Un salario nettamente superiore a quello dei giornalisti inglesi (28.938 euro l’ anno, 24.500 sterline)  e americani (30.976 euro, 42.000 dollari), ma parecchio inferiore a quello dei colleghi francesi, che nel 2012 hanno guadagnato una media di 44.473 euro.

 

Sono dati contenuti nel Rapporto di Lsdi sulla professione giornalistica in Italia che verrà presentato martedì prossimo nella sede della Fnsi a Roma.

 

Quei 33.557 euro – come accade in molte statistiche – sono però la media di due parametri molto lontani fra di loro: la retribuzione media dei giornalisti dipendenti, che nel 2012 era pari a 62.459 euro, e quella dei giornalisti autonomi o parasubordinati, che ammontava a 11.278 euro (il 18% del salario medio dei primi).

 

Questi dati – osserva il Rapporto – ripropongono con estrema chiarezza la questione della forte disparità retributiva fra il mondo del giornalismo dipendente e quello del giornalismo autonomo e parasubordinato.

 

A loro volta gli 11.278 euro di reddito lordo medio dei giornalisti iscritti alla Gestione separata dell’ Inpgi (la cosiddetta Inpgi2)  sono la media fra il reddito degli autonomi, 12.810 euro, e quello medio dei giornalisti parasubordinati, i Co.co.co, pari nel 2012 a 8.973 euro.

 

Rapporto-tabella

 

Tra l’ altro, mentre il reddito medio dei ‘’free lance’’ è lievemente cresciuto (354 euro in più rispetto al 2011), quello dei Co.co.co è addirittura diminuito di 730 euro, con un calo del 7,5%.

 

Il Rapporto – che sarà disponibile integralmente su Lsdi la mattina del 5 novembre – presenta quest’ anno varie novità:

 

– Una serie di mappe e visualizzazioni realizzate da due giovani colleghi esperti di data journalism, Mara Cinquepalmi e Andrea Nelson Mauro.

– Un elenco di tutte le vertenze relative agli stati di crisi a partire dai primi mesi del 2011, realizzato dalla Fnsi.

– Un capitolo dedicato a un esame dei salari dei giornalisti in altri quattro paesi: Uk, Usa, Francia e Spagna.

 

I commenti sono chiusi.