Il pubblicismo professionale e la precarietà nel lavoro autonomo (un approfondimento con nuovi dati Inpgi)

| 19 febbraio 2012 | Tag:, , , , , , , ,

Sulla base di una serie di nuovi elementi forniti dall’ Inpgi,  Lsdi approfondisce la situazione economica e quella demografica nel campo dell’ attività giornalistica in Italia – L’ analisi delinea un ampio segmento di pubblicisti  interno alla professione (o  immediatamente contiguo), che ormai ha poco a che fare con il pubblicismo classico, e che è già a pieno diritto nella sfera del  giornalismo professionale – Oltre 9.000 sono infatti i pubblicisti con un reddito annuo superiore ai 5.000 euro.
 

Ma conferma anche il forte gap di condizioni economiche fra lavoro autonomo e lavoro subordinato e la presenza di una ampia fascia di redditi particolarmente bassi: di fronte a un salario medio dei giornalisti pari a 51.027.000 euro annui, nel 2010  il 34,6% dei rapporti di lavoro complessivi (16.877 su 48.789) generavano un reddito inferiore ai 5.000 euro annui

 

di Pino Rea

 

Nuovi dati forniti dall’ Inpgi consentono di approfondire il quadro reddituale e quello demografico della professione giornalistica in Italia delineato in ‘’Una professione sempre più frammentata’’.

 

Due gli elementi che emergono con chiarezza:

 

1)      La presenza di un ampio segmento interno al pubblicismo (circa il 30% dei pubblicisti iscritti all’ Ordine) che ormai ha poco a che fare con il pubblicismo classico ed è già a pieno diritto nella sfera del  giornalismo professionale

 

2)      Le condizioni reddituali molto basse di un’ ampia fascia di professione.

 

Queste due questioni ci sembrano rilevanti sia per le implicazioni di carattere sindacale e contrattuale che comportano, sia in relazione al dibattito in corso sulle linee di riforma dell’ ordinamento professionale e sulla necessità di un passaggio a pieno titolo fra i professionisti di tutti i pubblicisti-professionali, per cui quella giornalistica è l’ attività prevalente.

 

Un passaggio che da anni è stato prefigurato all’ interno della Fnsi con l’ istituzione delle figure del ‘’professionale’’ e del ‘’collaboratore’’ (Congresso straordinario di Riccione, gennaio 1998).

 

Comunque è soprattutto il quadro economico del lavoro autonomo e parasubordinato a essere caratterizzato da una presenza massiccia di fasce di reddito che – per fare un esempio – in Francia non verrebbero ritenute  idonee per la concessione della Carte de presse (che sancisce ufficialmente l’ attività giornalistica professionale).

 

Nel 2010 in Italia – dove il salario medio dei giornalisti è pari a 51.027.000 euro annui – il 34,6% dei rapporti di lavoro complessivi (16.877 su 48.789) generavano infatti un reddito inferiore ai 5.000 euro annui: in Francia la soglia minima è circa 6.000 euro, la metà  del salario minimo garantito.
 

 

La cosa, come si è detto, è estremamente rilevante per quanto riguarda il lavoro autonomo o parasubordinato: considerando pubblicisti e professionisti globalmente,  10.737 su 17.374 (il 61,8%) e 5.252 su 9.844 (il 60%) per i Cococo denunciavano redditi entro i 5.000 euro.

 

Nel campo del lavoro dipendente le situazioni reddituali entro i 5.000 euro erano invece solo 888 fra professionisti e pubblicisti (esclusi sempre i praticanti) su 20.350 , pari al 4,4%.

Se al 34,6% di rapporti sotto i 5.000 euro si aggiungono quelli con redditi compresi fra i 5.000 e i 10.000 euro (un altro 9,3%; 4.561 su 48.789), si ottiene una fascia del 43,9% di posizioni con redditi inferiori ai 10.000 annui.  Di cui però solo 822 posizioni erano relative al lavoro subordinato.

 

 

Novemila pubblicisti con più di 5.000 euro/anno


Complessivamente comunque, per quanto riguarda i pubblicisti, il quadro globale dei redditi (autonomo, subordinato e parasubordinato) è così suddiviso:

 

– Sotto i 5.000 euro: 12.239 (57,8%)
– Fra i 5.000 e i 10.000 euro: 2.934 (13,8%)
– Oltre i 10.000 euro: 6.099 (28,5%)

Sono quindi più di 9.000 i rapporti contrattuali relativi a pubblicisti con redditi superiori ai 5.000 euro.

– – – – –


QUI IL TESTO COMPLETO DELL’ AGGIORNAMENTO

 

 

 

Leggi anche:

  • Riformare l’Ordine Riceviamo e pubblichiamo questo pezzo da parte del collega giornalista Stefano Tesi e invitiamo chiunque fosse interessato a scrivere sulla materia a partecipare al dibattito pubblicamente […]
  • La fabbrica dei giornalisti / Il Rapporto completo Sono oltre 112.000 i giornalisti in Italia (103.000 se si escludono gli iscritti all' elenco speciale e gli stranieri): il triplo che in Francia, il doppio che in Uk.  Ma solo il 45% sono […]
  • Ordine, disordine, contrordine  Riceviamo e pubblichiamo questo pezzo da parte di un consigliere nazionale dell'Ordine dei giornalisti e invitiamo chiunque fosse interessato a scrivere sulla materia a partecipare al […]
  • Metterci la faccia: sempre e comunque Lsdi aderisce alla campagna di sensibilizzazione al problema del precariato nel giornalismo lanciata dal gruppo dei giornalisti freelance su facebook. Di seguito copia-incolliamo il testo […]
  • 33.557 euro la retribuzione media del giornalista italiano nel 2012 E’ stato di 33.557 euro nel 2012 il reddito medio del giornalista italiano attivo, uno di quegli oltre 45.000 giornalisti, dipendenti o autonomi, con una posizione all’ […]

I commenti sono chiusi.