Il 55% dei giornalisti nel mondo usano Facebook o Twitter per lavoro

| 23 giugno 2012 | Tag:, , , , ,

Il 55% dei giornalisti usano canali come Twitter o Facebook per trovare spunti per il loro lavoro presso fonti conosciute e il 43% verificano informazioni già in loro possesso utilizzando quegli strumenti, mentre il 26% usano i social media per cercare notizie anche presso fonti non note e il 19% per verificare le informazioni che già hanno anche presso fonti non conosciute.

 

Sono alcuni dei risultati di una ricerca – Digital Journalism Study – compiuta da Oriella attraverso un sondaggio su 600 gornalisti di varie parti del mondo.

 

 

Le percentuali – spiega Mediabistro.com –  crescono nel Regno UNito dove il 75% dei giornalisti usano Fb o Twitter per cercare notizie presso fonti già note. Il 52% dei giornalisti ha spiegato che le testate a cui fanno capo hanno delle pagine Facebook mentre il 46% hanno dei profili su Twitter.

 

I risultati della ricerca sono ben documentati dalle infografiche qui sotto, che danno un quadro molto ravvicinato della situazione del giornalismo digitale oggi.

 

Il sondaggio è stato compiuto nei seguenti paesi: Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania, Italia, Nuova Zelanda,Olanda,  Portogallo, Russia, Spagna, Svezia, Tailandia, Uk, Usa e Vietnam (in media 38 giornalisti per ciascun paese).

 

Leggi anche:

  • Abbandonare Facebook ? I social non sono mezzi pubblici, sono utilities private. Lo  sostiene Andrew Keen, attualmente in Italia per presentare il suo ultimo libro 'Vertigine digitale. Fragilità e […]
  • La memoria storica dei giornali per fare comunità sui social network Utilizzare vecchi contenuti può essere un’ idea per animare in modo intelligente e diverso gli account ufficiali di Facebook o Twitter. Ad esempio riproponendo articoli di grandi autori: […]
  • Digit2013, attrezzi per giornalisti online Mentre in un gran fragore di grancassa il giornalismo analogico arranca senza meta aggrappandosi al web come ultima risorsa di sopravvivenza, a Firenze, il 16 e 17 settembre, il […]
  • L’odio non è un’opinione Sempre più frequenti e numerosi i discorsi d’odio che serpeggiano nella rete. Nel 2014, l’Unar (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) ha registrato 347 casi di espressioni […]
  • Etica, nuovi codici per il giornalismo digitale Si possono impunemente ‘’rubare’’ tweet o post dagli account di persone inconsapevoli o citare scritti di minorenni senza chiedere il permesso? Negli Stati Uniti si diffonde la […]

I commenti sono chiusi.