Giornalisti Usa, negli ultimi anni salari inferiori alla media dei lavoratori

| 22 luglio 2012 | Tag:, , , ,

Il salario medio dei reporter americani è cresciuto di più rispetto al salario medio globale Usa fino al 2008, quando la situzione si è invertita e il salario dei giornalisti ha cominciato a precipitare, scendendo nel 2011 a 31.580 dollari, con una differenza dell’ 8% in meno rispetto al salario medio globale, che quell’ anno era pari a 34.460 dollari.

Lo segnalano Susan Johnston e Peter Beller su Ebyline.biz, citando i dati del Bureau of Labour statistics Usa*.

 

 

Come si vede dalla tabella, il salario dei giornalisti era cresciuto più di quello medio fino al 2008, nonostante l’ esplosione della ‘’bolla’’ di internet, visto che, menmtre i ricavi delle aziende giornalistiche calavano, nelle redazioni i salari non diminuivano.

Così, mentre nel 1999 il salario medio dei giornalisti era pari a quello medio dei lavoratori Usa (un po’ più di 20.000 dollari), nel 2007 era già il 4% in piùdella media. Negli ultimi anni invece il ciclo si è invertito e ora il livello è sceso a meno 8%. Questo andamento – commentano i due osservatori – è analogo a quello registrato dal mercato azionario, dove molti investitori hanno visto i profitti calari fra il 2007 e il 2009, in quella che i grandi analisti dei mercati hanno definito un ‘decennio perduto’.

 

 

I dati del BLS vengono comunque attenuate dal fatto che la categoria dei reporter e corrispondenti è fittamente popolata di persone che lavorano per i giornali rispetto agli addetti alle reti televisive o ai magazine, che tradizionalmente guadagnano di più ma che probabilmente sono stati maggiormente colpiti dal calo dei guadagni degli ultimi anni. I dati nazionali, non tengono ovviamente di altri fattori, come il problema della casa, importanti sul piano del bilancio economico familiare.

* I due autori hanno prodotto recentemente anche un’ analisi dei salari dei giornalisti stato per stato.

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.