Un inglese su due ha perso fiducia in tutti i media dopo lo scandalo News of the World

| 17 novembre 2011 |

News

Lo scandalo delle intercettazione illegali del News of the world, il giornale del Gruppo Murdoch chiuso nel luglio scorso, ha dato un grosso colpo alla considerazione dei cittadini del Regno Unito nei confronti della stampa del paese. Lo rileva un sondaggio compiuto da YouGov per la rete televisiva pubblica americana Pbs.

Il 58% degli adulti inglesi ritiene che lo scandalo abbia avuto un effetto negative sulla loro percezione della stampa nazionale, mentre il 51% afferma che la vicenda ha minato la loro fiducia in qualsiasi testata giornalistica britannica.

Come riporta il Guardian, negli Stati Uniti il 25% degli interpellati pensa che lo scandalo abbia avuto un impatto negativo sui media inglesi.

La Ricerca mostra una marcata differenza fra il grado di fiducia che i cittadini dei due paesi ripongono nei media. IN UK la tv è ancora la fonte ritenuta più affidabile, con il 64% delle persone che la giudicano credibile, seguita dalla radio, col 58%. Solo il 38% dei lettori invece considera i quotidiani affidabili e per i magazine la percentuale scende al 25%.

Per gli americani al contrario i quotidiani sono ancora la fonte di Informazione più affidabile, con il 44% degli interpellati, mentre tv e magazine seguono col 42% ciascuno.

I cittadini Usa ritengono più affidabile Internet: il 19% ha fiducia nei social media e il 18% nei blog. Le percentuali sono più basse in Uk dove il 15% delle persone ritengono Twitter una fonte affidabile di informazioni e solo il 9% hanno fiducia nei blog. I siti di informazione specializzati, tuttavia, hanno un buona valutazione in Uk, col 55% delle persone che li considera affidabili.

I commenti sono chiusi.