Reti sociali: una guida per i redattori dell’ Afp

| 26 ottobre 2011 |

Afp

Ora che le reti sociali sono diventate indispensabili per ogni giornalista che si rispetti, la France Presse (Afp), la maggiore Agenzia di stampa francese, ha pubblicato per i suoi guiornalisti una guida sul modo con cui usare Twitter, Facebook o LinkedIn.

Il primo invito è a indicare il loro nome e la loro qualità di giornalista dell’ agenzia. Chi volesse invece esprimersi a titolo personale è tenuto a farlo attraverso un account personale in modo da ‘’conservare una posizione di neutralità’’, a cui l’ agenzia tiene molto, e ‘’per evitare quasiasi confusione’’.

Riservando ovviamente all’ agenzia la priorità sulle notizie raccolte nel quadro del suo lavoro, il giornalista avrà la possibilità di usare le reti sociali per esprimere ‘’notazioni personali, dettagli di colore, aneddoti, informazioni ulteriori’’.

La guida verrà aggiornata regolarmente tenendo conto delle osservazioni dei giornalisti sul campo.

(via archimag.com)

Leggi anche:

  • Youcapital: una inchiesta sul nucleare in Sardegna Lanciato il secondo progetto di indagine giornalistica da finanziare – L’ inchiesta riguarderà i futuri sviluppi del nucleare  in Italia, con un’ attenzione particolare alla possibile […]
  • Se il caporedattore è il pubblicitario Lo sviluppo dell’ ’’informazione su ordinazione’’ e la diffusione delle ‘’fabbriche di contenuti’’, che cercano di intercettare le presunte richieste dei lettori analizzando i flussi […]
  • Continua nelle redazioni la marcia di Twitter Anche in occasione dell' arresto dell' ex presidente del Fondo Monetario, Twitter si è confermato come il principale strumento di copertura giornalistica dei grandi avvenimenti in […]
  • Twitter, un vettore di audience sempre più interessante Su Easybourse.com, sito francese specializzato nell’ informazione sul mercato azionario, un ampio articolo sulle possibilità che l’ uso di Twitter offre per le testate giornalistiche – […]
  • Blog 2 / Giornalista è chi il giornalista fa (a.    f.) - I blog non sono i giornali. Punto. Una sentenza della Cassazione allontana il fantasma della stampa clandestina che assurdamente e anacronisticamente si aggirava tra le […]

I commenti sono chiusi.