Quotidiani in mezzo a una strada, a Parigi

| 26 ottobre 2011 |

Strada

‘’Il digitale è fondamentale, ma il modello 100% online non può funzionare’’. E’ per protestare contro questa prospettiva che migliaia di copie di quotidiani – soprattutto Le Parisien e France soir –  sono stati gettati in strada a Parigi per protestare contro i tagli nel settore della carta stampata.

La protesta si è concentrata a Rue Lafayette, nel cuore della capitale, dove il traffico è stato bloccato, davanti alla sede della Federazione degli editori. “Questa azione è simbolica perché vogliono mettere i giornali per strada come a France Soir o a La Tribune. E’ uno spreco. Siamo consapevoli che il digitale è fondamentale, ma il modello 100% digitale non può funzionare”, ha detto Romain Altmann, responsabile per la comunicazione di InfoCom-CGT, uno dei sindacati che ha organizzato la protesta.

La direzione di France Soir, sull’orlo del fallimento, ha recentemente annunciato di voler abbandonare la versione cartacea, il prossimo dicembre, per limitarsi al solo web, eliminando di fatto i tre quarti dei posti di lavoro. Da parte sua, la direzione del Parisien/Aujourd’hui en France ha presentato un piano di ristrutturazione da 30 milioni di euro, con il possibile taglio di 48 posti di lavoro su 537. Stessa musica al quotidiano economico La Tribune, dove editori e sindacati stanno discutendo aspramente un piano che prevede 17 licenziamenti. (ansa).

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.