Pubblicità: i ricavi dei quotidiani Usa calano ai livelli di 25 anni fa

| 17 marzo 2011 |

Pubblicità-giornali

Gli ultimi dati della Newspaper Association of America –  Se, anzi,  si considerasse l’ andamento dell’ inflazione, gli investimenti pubblicitari sui giornali sarebbero pari a quelli registrati 50 anni fa, nel 1962 – La pubblicità online rappresenta ora il 14% dei ricavi globali rispetto al 4% che era nel 2005

———

La pubblicità sui quotidiani americani è sprofondata allo stesso livello di 25 anni fa, mentre il mercato ha seguito la migrazione dei lettori verso internet, dove i costi delle inserzioni sono molto più bassi di quelli imposti dagli editori sulla carta.

Gli inserzionisti – spiega l’ Associated Press citando i dati diffusi martedì dalla Newspaper Association of America – hanno speso infatti nel 2010 25,8 miliardi di dollari nei quotidiani, la cifra più bassa dal 1985, quando gli investimenti complessivi nei giornali erano stati pari a 25,2 miliardi di dollari.

Se si considera l’ andamento dell’ inflazione, la pubblicità sui quotidiani si aggira più o meno allo stesso livello di 50 anni fa. Nel 1962 i giornali registrarono complessivamente 3,7 miliardi, che tradotti ai giorni nostra valgono circa 26 miliardi di dollari.

La pubblicità sulla carta – aggiunge l’ AP – è calata in maniera costante negli ultimi 5 anni, riducendo drasticamente la principale fonte di ricavi degli editori. Anche se l’ economia ha mostrato segni di ripresa a partire dal 2009, i giornali continuano a registrare la diminuzione delle entrate a visto che gli inserzionisti si rivolgono a soluzioni molto meno care o gratuite offerte da internet che, tra l’ altro, consente di diffondere i messaggi proprio alle persone più interessate ai loro prodotti. Questo spostamento ha accelerato negli ultimi anni a mano a mano che i lettori abbandonavano la carta per il web.

I giornali stanno quindi cercando di ricavare redditi sempre maggiori dalle edizioni digitali. L’ anno scorso l’ online ha generato 3 miliardi di dollari, con un incremento dell’ 11% rispetto all’ anno precedente. Al contrario, la carta ha perso l’ 8%, scendendo a 22,8 miliardi. Prima della crisi del 2006, la pubblicità sulla carta generava per i quotidiani ricavi annui per 47 miliardi di dollari.

Gli editori comunque si accontentano anche di più piccoli segnali di inversione di tendenza. Ad esempio – aggiunge AP – negli ultimi tre mesi del 2010 i ricavi sono stati pari a 7,3 miliardi, con un calo del 5% rispetto allo stesso periodo dell’ anno scorso, ma la tendenza in fase di attenuazione visto che nel periodo luglio-settembre 2009 il calo era stato del 29% rispetto allo stesso periodo dell’ anno precedente.

La pubblicità online comunque ora rappresenta il 14% dei ricavi pubblicitari globali dei quotidiani, con una crescita notevole rispetto al 4% del 2005.

I commenti sono chiusi.