Giornalismo investigativo: in Uk un WikiLeaks sul business

| 6 novembre 2011 |

Exaro

ExaroNews incoraggia soffiate in stile Assange, ma la redazione non sta ad aspettare,e naviga nel mare magnum dei dati pubblici alla ricerca di storie che altrimenti resterebbero nascoste

—–

Nasce in Uk un nuovo sito di Giornalismo investigativo. Si tratta di ExaroNews, che si rivolge soprattutto al target della comunità interessata agli affari. L’ intenzione è di mettere i suoi contenuti a pagamento.

La nuova struttura, come spiega Mark Watts, il direttore del sito (il nome è la prima persona singolare del verbo latino arare), punta fra l’ altro a  incoraggiare soffiate in stile WikiLeaks, invitando quelli che hanno fra le mani elementi per possibili rivelazioni a contattare la redazione, a Fleet Street, oppure a lasciare i documenti in un box digitale anonimo.

I server sono localizzati fisicamente fuori della giurisdizione Britannica, cosa che – osserva Watts – fornisce ulterior elementi di sicurezza per proteggere l’identità di chi ha passato i materiali.

Anche se si augura l’ arrivo di soffiate interessanti, la redazione – composta da vari giornalisti freelance – utilizzerà gran parte del suo tempo a navigare fra i data base pubblici per ‘’scovare vicende e spunti che altrimenti restebbero nascosti’’. I giornalisti indagheranno soprattutto sul governo e la pubblica amministrazione, anche sulla base della ‘’crescente disponibilità di dati pubblici ufficiali’’, spiega Watts.

Le tariffe per l’ accesso ai contenuti non sono state ancora stabilite, ma agli utenti verrà proposto comunque un abbonamento o la possibilità di microacquisti di singoli articoli. Per ora è possibile accedere gratuitamente agli articoli, registrandosi.

(via Journalism.co.uk)

I commenti sono chiusi.