Da Google all’ Ipi 2,7 mln di dollari per lo sviluppo del giornalismo online

| 27 febbraio 2011 |

Ipi

Il grosso finanziamento è stato stanziato nell’ ambito del News Innovation Contest, un progetto dell’ International Press Institute che punta a sostenere le nuove modalità dell’ informazione nell’area EMEA (costituita da Europa, Medio Oriente e Africa)

—–

Con un finanziamento di 2,7 milioni di dollari Google ha deciso di contribuire direttamente allo sviluppo del giornalismo online. Il contributo andrà in particolare all’ IPI (International Press Institute) nell’ ambito dell’ IPI News Innovation Contest, un progetto che punta a sostenere le nuove modalità d’informazione nell’area EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa), spiega Affaritaliani.

Le sovvenzioni saranno erogate a organizzazioni profit e no-profit che sviluppano tecnologie digitali open-source, anche in ambito mobile, realizzate da giornalisti o per i giornalisti e distribuite nel pubblico interesse.

I progetti dovranno rientrare in tre categorie: Nuove Piattaforme, Sostenibilità e Formazione.

La prima comprende tutte le applicazioni innovative mirate ad aiutare  i giornalisti nella verifica dell’ affidabilità delle fonti delle notizie, offrendo così ai cittadini accesso a informazioni veritiere e attendibili, elemento fondamentale di qualsiasi democrazia.
Nella categoria Sostenibilità rientrano proposte relative a modelli economici in grado di individuare nuove fonti di guadagno e/o di suggerire metodi per l’ottimizzazione dei costi per i media.

Nella terza infine i progetti che sostengono l’eccellenza giornalistica mediante la formazione di giornalisti esperti di online.

IPI, una delle più antiche organizzazioni mondiali per la difesa dei diritti dell’uomo (è stata fondata nel 1950 alla Columbia University di New York) è un network globale di editori e giornalisti impegnati nella promozione e difesa della libertà di stampa, nella protezione della libertà d’opinione e d’espressione, nella tutela della libera circolazione delle notizie e dell’informazione e nel miglioramento della professione giornalistica.

I commenti sono chiusi.