24symbols: una nuova piattaforma per leggere e condividere e-book in streaming

| 1 luglio 2011 |

24s

Il sito, lanciato in questi giorni, consente ai propri utenti di leggere i libri elettronici in streaming direttamente da una cloud, senza doverli scaricare, ed è disponibile sia in versione gratuita (basata sul modello pubblicitario) che in versione premium a pagamento – Un articolo su Paidcontent

———-

Pandora for e-books

(da paidcontent.org;
traduzione di Andrea Fama)

È stato lanciato in questi giorni 24symbols, una piattaforma che utilizza per gli e-book un modello simile a quello di Pandora. Il sito consente ai propri utenti di leggere i libri elettronici in streaming direttamente da una cloud, senza doverli scaricare, ed è disponibile sia in versione gratuita (basata sul modello pubblicitario) che in versione premium a pagamento.

Sebbene il sito abbia anche una versione in inglese, 24symbols è una società spagnola che tuttavia, così come Spotify, non è disponibile sul mercato statunitense. Pertanto, per gli utenti americani 24symbols non è che un esempio di come possa funzionare una piattaforma in streaming per gli e-book.

Ad oggi, 24symbols conta circa 1.000 titoli in catalogo, selezionati tra piccoli e medi editori. Grazie alle funzioni dei social network, poi, gli utenti del sito possono condividere i propri libri preferiti o semplicemente alcuni passaggi.

Al momento, l’ esperienza di lettura offerta dal sito è interamente basata sul browser, ma è in arrivo nei prossimi giorni una applicazione per iPad, cui faranno seguito le app per iPhone e Android.

La versione premium di 24symbols non ha pubblicità e consente la lettura off-line. Il servizio costa 9,99 euro mensili (14,45 dollari), mentre l’abbonamento trimestrale e quello annuale ammontano rispettivamente a 19,99 euro e 59,99 euro. Le tariffe sono simili a quelle di Spotify, che è disponibile a livello globale al prezzo di 9,99 euro, ma sono più alte rispetto a Pandora, il cui abbonamento annuale costa 36 dollari.

Tali importi sono suddivisi in modo che gli editori ricevono il 70% delle entrate, mentre al sito rimane il restante 30%. Le entrate sono calcolate sulla base del numero di pagine visualizzate – ad esempio, il numero di volte che la pagina di un libro viene letta rispetto al numero di pagine complessivamente letto per tutti i titoli. È facoltà degli editori inserire i propri titoli sia nell’area premium che in quella gratuita, o, in alternativa, limitarne la disponibilità ad una soltanto delle due opzioni. “Il numero di pagine lette rappresenta l’unità di misura per stabilire il successo di un determinato libro, piuttosto che il numero di volumi venduti”, scrive 24symbols in un PDF sul proprio sito.

Spetta agli editori versare agli autori le royalty calcolate sulla base degli introiti del sito; 24symbols raccomanda che tali royalty siano pari al 30%.

Negli Stati Uniti, il network digitale di Starbucks ha reso disponibili in streaming alcuni volumi attraverso il proprio Bookish Reading Group. Gli stessi editori che hanno partecipato al Gruppo – ovvero Hachette, Simon & Schuster e Penguin – oggi fanno parte della nuova versione di Bookish, una co-venture con AOL che sarà lanciata nel corso dell’estate. Non è chiaro se il nuovo sito prevederà la funzione di streaming, ma uno degli obiettivi è comunque quello di aiutare i lettori a scoprire nuovi libri.

Leggi anche:

  • L’ iPad ridà potere agli editori, ma Jobs non è il ‘diavolo’ Gli editori hanno utilizzato l’ iPad come un’opportunità per cambiare l’intero paradigma della distribuzione degli ebook, passando dal “wholesale model” all’ “agency model”, che assicura […]
  • Anche il feuilleton abbandona la carta e sbarca sull’ iPhone Il primo titolo è ‘’Le chemin qui menait vers vous’’, un romanzo diffuso esclusivamente su iPhone, sotto forma di feuilleton, con episodi scaricabili di volta in volta, interattivo (sarà […]
  • Sessanta secondi sulla Rete 168 milioni di email inviate; più di 13.000 ore di musica in streaming su Pandora; 98.000 tweet; 1.500 nuovi post sui blog; 13.000 applicazioni per iPohne scaricate,  e così via. In […]
  • La normalità dello stare su Facebook Un ebook di Giovanni Bocci Artieri spiega ai ‘’genitori’’ il senso che ha per i ragazzi ''vivere'' nella Rete,  cercando di far capire che ‘’nel loro modo di abitare online c’è una […]
  • Un Mediacamp a Riva del Garda Nell’ ambito della BlogFest di metà settembre a Riva del Garda, Vittorio Pasteris ha promosso un MediaCamp, una “non conferenza” sul tema dei media, in programma domenica 14, dalle 10.00 […]

I commenti sono chiusi.