Trasformare in grafici e tabelle gran quantità di dati grezzi

| 13 febbraio 2010 |

TableauTableau Public consente di organizzare e visualizzare graficamente le informazioni scegliendo degli esempi e realizzando delle tabelle esportabili o modificabili dai visitatori – Per esempio è possibile trattare i dati meteorologici di centinaia di stazioni meteo per ricavare le tendenze e le evoluzioni a grandi linee del tempo in una determinata zona geografica

——

Visualizzare sotto forma di grafici e di tabelle una gran quantità di dati grezzi. E’ quello che aiuta a fare  Tableau Software, che – racconta atelier.fr – propone una applicazione gratuita, Tableau Public, che permette di organizzare graficamente quelle informazioni e condividerle.

Il programma trasforma qualsiasi quadro di dati in forma di immagine: per esempio è possibile trattare i dati meteorologici di centinaia di stazioni meteo per ricavare le tendenze e le evoluzioni a grandi linee del tempo attraverso qualche semplice click. Una volta che i dati vengono recuperati dal sistema, è quest’ ultimo che decide come organizzarli e ne fa una sorta di sunto grafico.

Varie possibilità di trattamento visuale

Il trattamento comunque non è del tutto automatico. Tocca all’ internauta fissare dei parametri per ottenere quello che desidera. Per aiutare gli utenti però Tableau Software propone uno spazio della comunità su cui è possibile trovare delle spiegazioni e qualche esempio di utilizzo.

Un altro aspetto interessante – aggiunge atelier.fr – è che Tableau Public, oltre ad essere centrato sul trattamento visuale delle informazioni, consente anche la loro condivisione online. I moduli infatti sono integrabili sul proprio sito o sul proprio blog. Secondo i responsabili del sistema, non c’ è bisogno di saper programmare: basta copiare un link html. Cosa che rende questo sistema particolaremente adatto alle piccole imprese. Da notare che gli internauti possono successivamente interagire con le immagini.

Rendere i dati accessibili ai visitatori con qualche click

Una persona che visita il blog in questione può utilizzare diversi strumenti per farsi la propria idea dell’ interpretazione da dare ai dati. Per esempio cambiando l’ arco di tempo o zoomando su una particolare zona geografica.

Senza aver lui stesso scaricato il programma, avrà ugualmente la possibilità di diffondere la tavola così com ‘è sul proprio blog e di farne così una informazione virale. I visitatori possono anche esportare i dati per analizzarli più a fondo, sia sotto forma di grafici che recuperando direttamente le informazioni di base.

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.