Relazioni pubbliche: in corso una ricerca in 76 paesi

| 9 novembre 2010 |

FerpiUn sondaggio della Ferpi, l’ associazione dei comunicatori italiani che fa capo alla Global Alliance for Public Relations and Communication Management, per fare il punto sulla percezione del ruolo e del valore che le Pr ‘’possono portare’’ se interpretate alla luce delle recenti evoluzioni del settore – Ricerche analoghe in altri 75 paesi  sulla scia degli Stockholm Accords

—–

La Ferpi – Federazione Relazioni Pubbliche Italiane (www.ferpi.it) – è impegnata in una ricerca sulla condizione e la percezione delle relazioni pubbliche in Italia attraverso un questionario che, spiega una nota, consente di argomentare fra gli interlocutori del settore della comunicazione ‘’il valore che le relazioni pubbliche possono portare alle organizzazioni se interpretate alla luce dei più recenti apporti dell’evoluzione del corpo di conoscenze’’.

La ricerca è diretta anche ai giornalisti, che la Ferpi considera interlocutori fondamentali del proprio lavoro.

Il questionario – spiega l’ associazione – verte ‘’sulle diverse aree degli Stockholm Accords (sustainability, governance, management, internal communication, external communication, alignment of internal and external communication)’’, i temi al centro del vertice, tenuto nel giugno scorso nella capitale svedese, della Global Alliance for Public Relations and Communication Management (www.globalalliancepr.org) l’ombrello di 76 associazioni di comunicatori di altrettanti Paesi.

‘’E’ la prima volta che una associazione professionale si propone consapevolmente, a livello globale, di realizzare un programma di relazioni pubbliche per la relazioni pubbliche’’, commenta Toni Muzi Falconi.

Chi volesse collaborare all’ iniziativa può  partecipare al sondaggio online via  http://www.surveymonkey.com/s/sondaggioferpi

I commenti sono chiusi.