Per un Giornalismo umano

| 25 marzo 2010 |

Giornalismo-umanoNato in questi giorni su iniziativa del Premio Pulitzer Javier Bauluz Periodismo Humano, un giornale online che si occuperà di temi di solito trascurato dai media tradizionali dando voce alle organizzazioni sociali che attualmente non trovano spazio – Il sito si baserà su sottoscrizioni e donazioni dei cittadini – Un Manifesto del giornalismo umano

———-

Con una serie di ampi servizi su temi di grande rilevanza sociale ma di solito oscurati dai media tradizionali, è nato in questi giorni Periodismo Humano un nuovo giornale online messo a punto da Javier Bauluz, premio Pulitzer nel 1995.

La testata, rilevava Il Giornalaio, oltre a una redazione centrale avrà una folta rete di corrispondenti [fissi e saltuari] che da ogni angolo del pianeta invieranno notizie e reportage. Il lavoro si focalizzerà su temi ed aspetti che normalmente vengono trascurati dai mezzi di comunicazione tradizionali – cooperativismo, immigrazione, cultura, società civile -, dando voce alle organizzazioni sociali che attualmente non trovano spazio nei mass media.

Il modello di finanziamento dell’iniziativa si basa sulle sottoscrizioni e le donazioni dei lettori, su quello che comunemente viene definito crowdfunding, e non ha obiettivo di lucro.

Tutti i contenuti saranno originali e, nella maggior parte dei casi, saranno rilasciati sotto licenza Creative Commons, permettendo dunque a chiunque di riutilizzarli purchè non a fini commerciali e, ovviamente, citando la fonte.

Alla base dell’ iniziativa un Manifesto del giornalismo umano che ha già ottenuto la firma di numerosi giornalisti di lingua ispanica e di molti cittadini comuni.

La Dichiarazione Universale dei diritti dell’ uomo – esordisce il Manifesto – deve essere l’ impronta etica del giornalismo.

Il diritto all’ informazione è una condizione fondamentale per lo sviluppo pieno della democrazia e per consentire ai singoli cittadini di pensare e agire liberamente.

I giornalisti e le imprese giornalistiche devono contribuire al rispetto dei diritti umani, e la loro attività deve denunciare ogni loro violazione.

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.