Link e segnalazioni (15-21/02)

| 21 febbraio 2010 |

Buzz, privacy a rischio. Google annuncia modifiche

Subissata dalle polemiche per la privacy, Big G ammette i propri errori e si prepara ad aggiustare il tiro. Ma gli utenti continuano a guardare con sospetto (e confusione) al nuovo servizio.
http://www.visionpost.it/dlife/buzz-privacy-a-rischio-google-annuncia-modifiche.htm

La BBC fa ‘’arrabbiare’’ gli editori di giornali

L’ emittente annuncia il lancio di alcune applicazioni per i telefoni mobili che dovrebbero dare accesso gratuito alle in formazioni generaliste e al notiziario sportivo. ‘’La BBC minaccia un mercato appena nato’’.
http://www.challenges.fr/actualites/medias/20100218.html

Gli investimenti pubblicitari cominceranno a crescere dalla fine del 2010

Lo sostiene elmundo.es, spiegando che nell’ ultimo trimestre di quest’ anno si dovrebbe registrate anche in Spagna ‘’un timido incremento’’. Nel 2010 la spesa pubblicitaria dovrebbe comunque calare complessivamente del 3,3%. Dal 2007 il crollo è del 34,5%.
http://www.elmundo.es/elmundo/2010/02/18/comunicacion/1266511979.html

 
Il miglior giornalista dell’anno? Un passante di Teheran

Il giornalista più bravo dell’anno non è un giornalista, ma un oscuro cittadino di Teheran. A sceglierlo sono stati i giurati del George Polk Award, premio giornalistico poco conosciuto in Italia ma considerato negli Usa pari al Pulitzer. Per la prima volta nella storia il riconoscimento è andato a un autore anonimo: a essere premiato è stato il video che mostra la morte di Neda, la giovane uccisa dalle milizie degli ayatollah durante una manifestazione di protesta, un’immagine diventata l’icona della resistenza iraniana
http://www.ilgiornale.it/esteri/il_miglior_giornalista_dellanno_un_passante_teheran/neda/19-02-2010/articolo-id=423188-page=0-comments=1

Internet: Usa divisi tra privacy e cybersicurezza

Un team di esperti extragovernativi ha svolto una simulazione che ha evidenziato alcune mancanze. Il diritto dei cittadini alla riservatezza intralcia la sicurezza nazionale?

http://punto-informatico.it/2814996/PI/News/usa-divisi-privacy-cybersicurezza.aspx

 Giornalisti online e freelance sempre più a rischio

L’ultimo rapporto del Committee to Protect Journalists: la crescita di freelance e giornalisti online sta rendendo più vulnerabile la stampa, soprattutto nei paesi oppressivi. Ma la rete si conferma anche l’antidoto migliore per limitare i danni della censura
http://mediablog.corriere.it/2010/02/giornalisti_online_e_freelance.html

L’ internet delle grandi aziende accelera il nostro declino culturale, politico ed economico?

Se lo chiede Alternet: ‘’ forse la Rete non è la panacea per cui era stata concepita’’.

http://www.alternet.org/story/145683/are_corporations_using_the_internet_to_accelerate_our_cultural%2C_political_and_economic_decline

Scelti i quotidiani con la grafica migliore

Sono due giornali tedeschi e uno degli Stati Uniti. La giuria del World’s Best-Designed for 2009, ha scelto der Freitag di Berlin, Frankfurter Allgemeine Sonntagszeitung e The New York Times
http://www.editorsweblog.org/newspaper/2010/02/worlds_bestdesigned_newspapers_announce.php

Il Guardian lancia il suo primo sito locale

Riguarda la città di Leeds, e il direttore, Alan Rusbridger, lo ha definito su Twitter ‘’un piedino nell’ acqua locale’’.

 http://www.guardian.co.uk/leeds

La Casa Bianca si apre a Twitter

I feeds su Twitter dello staff della Casa Bianca diventeranno presto material da analisi per I corrispondenti da Washington, secondo un articolo di Politico. Sono già almeno tre i dirigenti di alto livello della squadra di Obama che hanno creato un account su Twitter.
http://www.editorsweblog.org/web_20/2010/02/white_house_embraces_twitter.php
 
La maggioranza dei giornalisti usa i social media come fonti
Una nuova ricerca rileva che il 56% di cronisti e redattori sono convinti che RTwitter o Facebook siano ‘’importanti’’ per il loro lavoro.
http://www.guardian.co.uk/media/pda/2010/feb/15/journalists-social-music-twitter-facebook

Sponsorizzazioni in ripresa l’anno prossimo

Lo sostiene l’indagine svolta da “Stage Up – Sport and leisure business e Ipsos”, intitolata “Il Futuro della Sponsorizzazione”.
http://www.adginforma.it/201002171080/Sponsorizzazioni-in-ripresa-lanno-prossimo.html

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.