Le donne rappresentate ‘poco e male’ nei media

| 2 ottobre 2010 | Tag:,

Who

Le donne sono ‘’rappresentate decisamente poco e male’’ sui media. Lo ha rilevato una ricerca condotta dal  Global Media Monitoring Project, secondo cui il pregiudizio antifemminile è presente anche nell’ informazione online.

Lo studio, ‘Who Makes the News’, è il frutto di un monitoraggio di 17.795 articoli comparsi su 1.000 testate giornalistiche di 108 paesi nello stesso giorno, il 10 novembre del 2009.

Il lavoro, coordinato dalla World Association for Christian Communication (e di cui nel marzo scorso vennero diffuse delle anticipazioni), ha accertato fra l’ altro un aumento della presenza femminile fra i giornalisti dal 28 al 37% negli ultimi 15 anni, ma senza nessuna variazione di rilievo negli ultimi 5 anni. La tv è la piattaforma con la maggiore presenza femminile, il 44% dei giornalisti, mentre nei giornali la percentuale è al 33%.

Per quanto riguarda i contenuti, le notizie analizzate si riferivano per il 24% a protagoniste femminili, contro il 76% di maschi, con un aumento del 3% di temi femminili rispetto a 5 anni fa.

Lo studio ha compiuto anche un confronto fra giornalismo tradizionale e giornalismo online, rilevando come l’ informazione online ‘’è un format in cui i pregiudizi di genere diventano non solo più visibili ma anche più concentrarti rispetto ai media tradizionali’’.

(via Journalism.co.uk)

Leggi anche:

  • I media Usa sempre più maschili L’  industria giornalistica Americana è ancora dominata dal genere maschile, afferma un nuovo studio  realizzato dal Women’s Media Center. Mentre il 73,5% dei laureati in Giornalismo e […]
  • Donne e media, un incontro dell’ Associazione Pulitzer a Torino Il diritto ad una nuova comunicazione del femminile sarà al centro di un incontro pubblico che l' Associazione Pulitzer  promuove per il 5 maggio a Torino (ore 10.30 presso il Circolo dei […]
  • Donne e media, un cammino lungo un anno Una breve retrospettiva e analisi per un anno di lavoro sul progetto “Donne e Media” di Associazione Pulitzer, iniziato a Roma con LSDI e FNSI lo scorso novembre. Un percorso sui […]
  • Giornaliste freelance, e la chiamano professione Hanno prevalentemente fra i 30 e i 50 anni, sono sposate o conviventi, ma non hanno figli. E lavorano anche 12 ore al giorno. Per molte di esse (quasi il 70%) l’ essere freelance ha […]
  • Dove sono le donne leader nelle testate giornalistiche? Dopo un primo articolo dal titolo ‘’Una amara regressione di genere nell’ industria dei media Usa’’ , dedicato all’ inversione di rotta nella stampa americana nel campo dello status […]

I commenti sono chiusi.