La Reuters cambia l’ informazione tv con Insider

| 12 maggio 2010 |

Reuters-Inside

La Reuters sta cercando di cambiare la televisione. La grande agenzia internazionale ha lanciato un nuovo prodotto, Reuters Insider, un servizio di video sul web che cattura e organizza la miriade di flussi di informazione prodotta dai giornalisti dell’ azienda e dai suoi 150 partner.

Il servizio, che è partito martedì 11 maggio, è una sorta di You Tube del settore finanziario, anche se sarà disponibile solo per gli abbonati, che versano più di 2.000 dollari al mese.

Usando la finestra principale del servizio, che è stata chiamata “Channel One”, gli abbonati possono navigare all’ interno di tutto il materiale aggregato per settore, data, mercato o regione, oppure applicare dei filtri per organizzarsi un proprio canale personalizzato.

La Reuters sta facendo una grossa scommessa su Insider, con un investimento di oltre 100 milioni di dollari.

(via Ejc)

Leggi anche:

  • Tv: la BBC sfida Al-Jazeera Un nuovo canale per il Medio Oriente partirà martedì prossimo con 12 ore al giorno di programmi in lingua araba per arrivare a 24/7 entro pochi mesi – L’ obbiettivo è di raggiungere i 20 […]
  • Giornalismo investigativo, su YouTube un canale specializzato Si chiama ‘The I Files’, si potrà vedere solo su Youtube e sarà una sorta di antologia dei migliori reportage investigativi delle testate più prestigiose al mondo, come il New York […]
  • Web, tv e giornalismo Il Tribunale di Pordenone ha assolto l’ amministratore unico di PNBox tv dall’ accusa di esercizio abusivo della professione giornalistica. La sentenza arriva mentre è in forte […]
  • Micro web tv, l’ informazione alternativa Una ricerca di una studentessa di Padova analizza sviluppo e prospettive delle piccole tv digitali locali italiane, oltre 500 testate che coprono città e segmenti di interesse – Il […]
  • Tv: la CNN dà “Potere al popolo” La grande emittente televisiva Usa sta lanciando iReport.com, un nuovo sito costruito interamente con video e materiali degli utenti – I contenuti degli internauti non saranno più […]

I commenti sono chiusi.