iPad: una sfida per Apple, ma anche per gli old media

| 4 aprile 2010 |

Ipad(da http://www.pasteris.it/blog/2010/04/03/qualche-pensiero-sullipad/)

L’ iPad è sicuramente un oggetto tecnologico straordinario, con tutta la carica tecno-erotica che Steve Jobs e Apple sanno infondere in ogni loro prodotto. Probabilmente un oggetto avanti ai tempi, pensato per il futuro. Ma oggi siamo al presente. La domanda principale è quindi: quanti davvero saranno interessati a comprarlo considerando che i potenziali acquirenti ad oggi hanno almeno un laptop e un telefonino, e se capita un Ipod o lettore Mp3 ?

L’Ipad è  un maxi Ipod Touch. Abbiamo il serio dubbio che la versione con connettività telefonica sarà meno diffusa, perchè avere doppia o tripla bolletta per connessione dati è cosa da ricchi. Il bloggante titolare da tempo convive felicemente con un Ipod Touch che è un ottimo strumento comprato proprio perchè non telefona, ma fa tutto il resto. L’Ipod Touch sarà probabilmente la prima nicchia cannibalizzata dall’Ipad e sarà il giustiziere dell’Ipod Touch dello scrivente. Ipad fa meglio le cose che fa il Touch. E’ un ottimo lettore di ogni cosa multimediale preesistente. Ha un display grande e funzionale per vedere e leggere quello che per il Touch è sbirciare dal buco della serratura. Certo che come lettore di musica è un po’ ingombrante. Ma non si può avere tutto nella vita.

L’Ipad non soppianterà mai i laptop e i netbook, perchè è un ottimo strumento nelle sue funzioni di lettore, ma è lontanissimo dalle funzioni di scrittura e interazione di un normale portatile con tastiera e/o mouse o touchpad. Per ora non è in grado di stampare, salvo che con acrobazie digitali lunghe e noiose. L’avere il sistema operativo di Iphone-Ipod Touch è la manna degli editori per poter essere Itunes compatibili, ma pone  limiti mica da ridere. L’Ipad non soppianterà mail il telefono o lo smartphone per banali ragioni di dimensione fisica. Per questo andrà a finire che dovremo (parliamo del bloggante titolare)  portarci dietro laptop e telefono e quasi di sicuro il maxi Ipod Touch.

La sfida è di capire quanti nel breve e nel medio periodo decideranno di fare una scelta del genere con almeno tre device nella borsa, nella casa e nell’ufficio. Una sfida per Apple, ma anche per il mondo degli old media che da tempo pare abbia scelto per salvarsi la strada teologica dell’Ipad, invece che altri percorsi forse meno lineari, ma potenzialmente più produttivi per il medio e lungo periodo.

Apple ce la farà comunque. I vecchi media …  ai posteri …

Leggi anche:

  • L’ iPad ridà potere agli editori, ma Jobs non è il ‘diavolo’ Gli editori hanno utilizzato l’ iPad come un’opportunità per cambiare l’intero paradigma della distribuzione degli ebook, passando dal “wholesale model” all’ “agency model”, che assicura […]
  • Tablet, si allarga la rivolta contro Apple Il Financial Times è stato il primo a dichiarare guerra alle tariffe per chi sottoscrive abbonamenti sullo store di Apple – In un articolo sul Guardian John Naughton (professore alla […]
  • iPad, il pericolo della “regressione” Su BuzzMachine Jeff Jarvis giudica la nuova creatura di Apple uno strumento “limitato” e pericoloso, perché non solo è privo di interattività ma soprattutto perché “cerca di convertici […]
  • Il Financial Times dichiara guerra ad Apple Proprio mentre la creatura di Steve Jobs annuncia la sua edicola su iPhone e iPad, il quotidiano economico sbatte la porta, per non pagare il dazio del 30% sugli incassi preteso dalla Mela […]
  • Un Daily per l’ iPad…ma non sarà tanto facile Anche se l’ iniziativa congiunta di Rupert Murdoch e Steve Jobs nasce con un marchio legato al nuovo mondo che circola intorno alla tavoletta della Apple, non è detto che il futuro del […]

I commenti sono chiusi.