Il rapido declino della CNN, aggredita da destra e da sinistra dall’ informazione schierata

| 9 aprile 2010 |

Cnn

La CNN non è riuscita ad adattarsi alle tendenze di un giornalismo nettamente partigiano,  che FOX ha creato e MSNBC ha abbracciato – Questa l’ opinione che Mark Greenbaum, scrittore e avvocato a Washington, illustra su HuffingtonPost spiegando come Fox abbia non solo costruito una fedele e agguerrita audience di telespettatori conservatori, ma anche ridefinito come l’ informazione viene diffusa negli Usa – Che piaccia o no, secondo Geenbaum, Fox  ha trasformato la copertura delle notizie in un brutale sport da corpo a corpo – E, dall’altro fronte, MSNBC ha adottato lo stesso approccio, piazzandosi al secondo posto e costringendo la CNN a rivedere la sua strategia

———-

CNN’s Rapid Decline and the Future of Cable News
di Mark Greenbaum
(Huffington Post)

 

La guerra delle reti all-news via cavo vede Fox sempre più forte: FoxNews è detentore di un’ ampia fetta di telespettatori rispetto ai suoi rivali. Ma negli ultimi mesi è una prepotente MSNBC a registrare una sorprendente crescita. L’ emittente ha infatti sorpassato  il numero dei fedeli sostenitori di CNN, già a sua volta superato da FOX. La crescita di MSNBC,  unita alla forza del canale news di Fox, insieme al calo precipitoso della CNN,  spiegano bene  le tendenze predominanti nel mondo delle reti all news e le sfide che i media stanno affrontando per cercare di rimanere a galla, in un mondo fortemente aggressivo e dominato dalle opinioni.  

Nella sua corsa al successo Fox News stacca nettamente le concorrenti. Grazie agli interventi di ospiti incendiari, come Bill O’Reilly, Sean Hannity e Glenn Beck, Fox non ha solo costruito una fedele e agguerrita audience di telespettatori conservatori, ma  ha anche ridefinito come l’ informazione viene diffusa in questo paese. Che piaccia o no Fox, guidata dal magnate Rupert Murdoch e dall’amministratore delegato Roger Ailes, ha trasformato la copertura delle notizie da parte dei media in un brutale sport da corpo a corpo.

Esprimere opinioni chiare è un dovere, particolarmente nella programmazione del primetime, ma, molto più importante, la diffusione delle notizie su Fox è visceralmente e incessantemente  tagliente, con un tono maliziosamente e marcatamente di destra. Questo modello, una volta inaccettabile, è adesso lo standard e ha giocato  un ruolo chiave nel rimodellamento dell’ attuale scenario nazionale dei media.

MSNBC ha tentato di imitare l’ approccio di Fox, anche se dall’ opposta direzione politica. Con conduttori dichiaratamente liberal, come Keith Olberman, Rachel Maddow e Ed Schultz, MSNBC sta cercando di rispondere al modello di Fox  e questa manovra ha già dato frutti: nel 2009, MSNBC ha largamente superato lo share nel primetime e nel primo quadrimestre del 2010 ha ulteriormente solidificato  la sua posizione come rete numero due all-news, mentre CNN è collassata.

La crescita di Fox e in minor parte  di MSNBC, hanno influito su CNN imponendo la necessità che essa riveda radicalmente i suoi obbiettivi.

Anche se i suoi critici la possono pensare diversamente, la CNN è caratterizzata  da una programmazione e da uno stile marcatamente distaccato, particolarmente in politica e affari interni. I suoi grandi nomi fra cui Wolf Blitzer, Campbell Brown, Anderson Cooper e Larry King  trattano argomenti aridi come le questioni economiche e i loro show sono più sonnolenti di quelli dei concorrenti e francamente un po’ noiosi.

E i telespettatori sembrano concordare: il New York Times scrive che i conduttori di CNN hanno perso approssimativamente metà del loro pubblico nell’ ultimo anno, e la CNN si trova ora in svantaggio rispetto ai suoi concorrenti nel primetime – dove la pubblicità è molto più redditizia. Da parte loro Cooper e King hanno perso più del 40% dell’audience nel primo trimestre del 2010. E CNN è addirittura minacciata  dai piccoli network tradizionali come HLN e CNBC.

CNN non è riuscita ad adattarsi alle tendenze di un giornalismo schierato che FOX ha creato e MSNBC ha abbracciato. Il recente acquisto da parte di CNN di Erik Erickson, graffiante blogger dell’ area di destra, potrebbe costituire un segnale di cambiamento in questo senso ma la dirigenza di CNN è ancora dichiaratamente ferma nel suo impegno di avere conduttori di primetime che forniscano materiale giornalistico libero da punti di vista schierati.

Questo è il più grande errore. Attualmente il punto di forza di FOX e MSNBC è dovuto in grande parte alla creazione di una nicchia di audience fedele: la destra per FOX e la sinistra a MSNBC, mentre nel mezzo cerca di barcamenarsi la CNN, che non sembra in grado di prendere una posizione  e di aggiudicarsi quella parte cruciale dello share.

Ma questa è solo una faccia della medaglia. Nel mondo di oggi, i toni contano tanto quanto conta la sostanza o persino la posizione politica, e proprio qui sta la sfida per la CNN: assumere un approccio più incisivo e diretto rispetto a  FOX e MSNBC, come del resto hanno già fatto molte piattaforme internet, che hanno scelto questa strada con decisione.

La CNN è stata comunque colpita al cuore dai suoi concorrenti  altrettanto quanto i quotidiani, intrappolati in una collettiva incapacità di cambiare. Ancora, mentre molte testate sono state fortemente colpite, e in molti casi mortalmente, da un marcato rifiuto ad un più rapido sviluppo tecnologico e ad un miglior uso di internet, la carta stampata è stata paralizzata da tradizionale modello storico dei quotidiani americani che vogliono essere scrupolosamente bilanciati e imparziali nel loro approccio. Come CNN, i quotidiani rischiano di rendersi completamente irrilevanti se falliscono nel comprendere la richiesta di una più precisa e addirittura più schierata opinione politica.

Non è un caso che Rupert Murdoch venga dall’ esterno e che abbia avuto tanto successo come tycoon mediatico in Gran Bretagna. Qui, carta stampata e media si stanno profondamente ridefinendo e sono, da tempo, chiaramente schierati politicamente. Per esempio, i lettore del Guardian sono consapevoli di leggere un giornale di sinistra, mentre quelli del Times, quotidiano di Murdoch, sanno che il loro giornale ha punti di vista di destra. Il canale Fox News ha intrapreso lo stesso approccio: puoi anche non essere d’ accordo con loro, ma tutto viene detto chiaro e tondo, nessuna sfumatura è concessa.

Indiscutibilmente, il pubblico americano si è avvicinato al modello britannico nei gusti, come conferma la crescente popolarità di Fox News e MSNBC. E, poiché molti cittadini si informano solo attraverso i notiziari dei canali via cavo, testate come CNN e molti quotidiani potrebbero sparire se non riusciranno ad adattarsi al nuovo trend mediatico sia nella sostanza che nel tono.

(traduzione di Claudia Dani)

I commenti sono chiusi.