I siti web dei giornali prima fonte di informazione locale in Usa

| 27 febbraio 2010 |

Una nuova ricerca dell’ Associazione americana dei quotidiani (NAA) e di comScore mostra che il 57% degli internauti utilizza soprattutto i giornali online per le notizie locali, mentre seguono i portali e i siti web delle tv locali

————

I siti web dei giornali sono la fonte principale a cui ricorrono i lettori Usa per una informazione locale completa. Lo afferma una Ricerca congiunta della Associazione americana dei giornali (NAA) e di comScore. Il 57% dei 3.000 adulti interpellati scelgono come prima fonte per le notizie locali i siti online dei quotidiani.

La ricerca è stata condotta nel novembre scorso sulla base di un campione di adulti che usano comScore.

‘’Nonostante la massiccia concorrenza di dozzine di concorrenti sul piano dell’ informazione locale, i siti web dei giornali sono stati bravi nel potenziare i loro marchi e la produzione dei contenuti  per attirare sia utenti che inserzionisti’’, ha affermato John Sturm, president e CEO di NAA, commentando I risultati della ricerca.

Tuttavia i dati mettono in luce anche la forte concorrenza in atto. Mentre il 57% degli interpellati indica i siti web dei giornali con fonte primaria dell’ informazione locale – spiega editor&publisher -, il 54% citava i portali online e il 53% sceglieva i siti web delle tv locali.

I siti web dei giornali hanno un piccolo margine di vantaggio come fonte di informazione locale più credibile. Il 33% degli interpellati rispetto al 32% che indica invece i siti web delle tv locali.

I siti web dei giornali sono in testa anche sul piano della piccola pubblicità: il 39% del campione li utilizza primariamente,  nettamente staccata rispetto ai siti online specialistici (14%).

Quanto al giudizio sulla maggiore credibilità, il 35% sceglie i giornali, mentre il 32% si rivolge ai siti web delle televisioni.

Quanto alle inserzioni, la maggior parte degli interpellati ha fiducia più dei giornali (36%) che delle alter fonti; le tv locali sono al 23%.

I commenti sono chiusi.