I media tradizionali non sono morti, e non stanno neanche tanto male…

| 17 aprile 2010 |

Tradizionali1 I media tradizionali non sono morti: non ancora almeno e non lo saranno ancora per un po’. Certo, non sono forti come un tempo, ma occupano ancora un posto importante nel panorama mediatico. Lo assicura Samuel Parent Samuel, uno specialista canadese di media interattivi, che sul suo blog,  fornisce una grande quantità di numeri per dimostrarlo. Eccoli.

QUOTIDIANI

  • 48% = almeno uno al giorno (età 18+) in Canada (CMUST – NadBank 2008), per un tempo di 47 minuti al giorno
  • 60% = almeno una volta alla settimana ( età 18+) in Canada (CMUST – NadBank 2008), per un tempo medio di 223 minuti alla settimana.
  • 74% degli americani adulti legge un quotidiano almeno una volta alla settimana, su carta o online. In alcune zone si arriva al 90% (Scarborough Research) (thanks @steverubel)

    • 79% dei coletti bianchi
    • 82% degli adulti con reddito annuale superiore ai 100.000 dollari
    • 84% dei laureati
  • 19% degli americani adulti hanno visitato un sito online di un quotidiano nell’ ultima settimana (Scarborough Research)
  • 70% degli americani adulti hanno letto almeno un quotidiano cartaceo nell’ ultima settimana (Scarborough Research)
  • 55% dei cittadini della Cina e il 53% di quelli di Hong Kong affermano che i quotidiani sono un elemento importante della loro giornata (Media Asia)
  • Nel periodo 2005–2009, il numero di visitatori unici dei siti web dei giornali è salito da 41,1 a 71,8 milioni, mentre I ricavi sono cresciuti da 12,2 a 22,2 miliardi di dollari (Newspaper Association of America)
  • 69% ritiene che gli articoli dei quotidiani siano verificati ed esatti  (North America – Nielsen Online Global Consumer Survey – July 2009)
  • 61% crede nella pubblicità sui quotidiani  (North America – Nielsen Online Global Consumer Survey – July 2009)
  • 31% dei dirigenti editoriali dei quotidiani pensano che sia facile trovare contenuti analoghi su altri siti web, contro il 68% che lo ritengono abbastanza difficile (American Press Institute eMarketer)
    • 42% degli utenti dei siti dei giornali pensano che sia facile trovare gli stessi contenuti altrove contro il 43% che ritengono più difficile (American Press Institute eMarketer)
  • I quotidiani sono il terzo mezzo in cui i cittadini francesi credono di più, col 19%, dietro internet (29%) e la televisione (20%) (Ifop et Nurun – Influence des médias sur les décisions d’achats)
  • Il maschio Americano spende 2,4 ore alla settimana con I giornali, contro 1 ora per le donne (sopra gli 8 anni) (TNS Newzoo BV)
  • Ogni giornale ha in media 18.000 fans di Twitter e pubblica 11 tweet al giorno (eMarketer Bivings Group) (thanks @TomTsinas)
  • I 3 quotidiani maggiormente ‘retweeted’ sono: The New York Times, The Atlanta Journal-Constitution e  Los Angeles Times, tutti oltre i 1200 (settembre 2009).
  • Il New York Times ha visto crescere la sua audience online del  10% e la sua diffusion su carta del 2% in 2009. I ricavi pubblicitari sono calati del  25%. (Wall Street Journal) (thanks @TomTsinas)
  • I pay wall hanno ridotto gli utenti del NewsDay.com del 21% fra ottobre e novembre 2009 (Nielsen). Le pagine viste sono scese del  34%.
  • L’ uso dei buoni sconto è cresciuto del 36% in 2009 – le edizioni della domenica pesano per il 70% dell’ uso complessivo dei buoni sconto negli Usa  (Borrell Associates)

RIVISTE
Tradizionali2

  • 31% = almeno una volta al giorno  ( età 18+) in Canada (CMUST – NADbank 2008), per un tempo medio di 14 minuti quotidiani
  • 51% = almeno una volta alla settimana (età 18+) in Canada (CMUST – NadBank 2008), con 99 minuti di tempo in media alla settimana
  • 59% ha fiducia nella pubblicità (North America – Nielsen Online Global Consumer Survey – July 2009)
  • Il maschio Americano spende 1,7 ore alla settimana per le riviste, contro 1,4 ore per le donne  (età 8+ ) (TNS Newzoo BV)
  • 367 riviste hanno chiuso nel 2009 negli Stati Uniti (Crain’s) (thanks @lucdupont @stevecase @jeffjarvis @iwantmedia)
  • 17,5% il calo dei ricavi pubblicitari dei magazine Usa fra 2008 e 2009 (Magazine Publishers of America) (merci @tomtsinas)
    • Gli unici che hanno registrato un aumento sono i magazine di gossip, quelli femminili e le testate di Casa&giardinaggi

TELEVISIONE
tradizionali3

  • 82% = almeno una volta al giorno  (età 18+) in Canada (CMUST – NadBank 2008) – (second BBM l’ 87%), per un tempo di 115 minuti al giorno
  • 93% = almeno una volta alla settimana (età A18+) in Canada (CMUST – NadBank 2008) – (BBM riporta il 96%, PMB il 97%), spendendo 818 minuti in media alla settimana (BBM riporta 1.894, PMB 1.358)
  • 21% degli utenti internet del Quebec Internet guardano la televisione sul computer più che sull’ apparecchio tradizionale (Ad Hoc Recherche)
  • 61% hanno fiducia nella pubblicità televisiva (North America – Nielsen Online Global Consumer Survey – July 2009)
  • 18% delle champagne sulla TV (tradizionale) generano un ROI positivo
  • 2° mezzo per grado di fiducia da parte dei francesi, col 20%, dietro Internet (29%) ma prima dei giornali (19%) (Ifop et Nurun – Influence des médias sur les décisions d’achats)
  • Il maschio Americano spende 10,7 ore alla settimana davanti alla tv contro le 11,2 ore della donna (età 8anni +) (TNS Newzoo BV)
  • 65% degli utenti internet vorrebbero connettere la loro tv a internet (eMarketer & Deloitt) (thanks @tomtsinas)
  • I bambini americani di 2-5 anni guardano ongi settimana la tv per 25 ore, mentre dedicano 4,5 ore a DVD o video games, oltre 90 minuti ai DVR e 45 minuti ai VCR. (Nielsen) Il 50% dei bambini 2-11 anni usano separatamente tv e internet, mentre l’ altra metà li usa simultaneamente. Il 60% dei teen-ager li usa simultaneamente.

RADIO
tradizionali4

INTERNET
tradizionali5

  • 64% = almeno una volta al giorno (età 18+) in Canada (CMUST – NADbank 2008), 107 minuti al giorno per utente
    • Di più rispetto a quotidiani e magazine, più o meno lo stesso della radio e della tv come tempo speso.
  • 72% = almeno una volta alla settimana (età 18+) in Canada (CMUST – NadBank 2008), con un tempo di 543 minuti online in media alla settimana
    • Di più rispetto a quotidiani e riviste
  • Il maschio americano spende circa 10,8 ore online alla settimana contro le 11,3 per le donne (età 8+) (TNS Newzoo BV)
  • 43% si accorge dei banner pubblicitari sui siti web (Smart Adserver) (merci @lucdupont)
  • 46% delle piccolo aziende Usa non hanno un sito web (Ad-ology & eMarketer) (merci @tomtsinas)
  • 50% dei ragazzi americani di 6-11 anni usano internet, mentre sono il 20% quelli della fascia d’ età 2-5 anni. (Nielsen).

(via Socialmediatoday)

I commenti sono chiusi.