Giornalismo: pensare l’ impensabile, un incontro a Napoli sulle trasformazioni del sistema dell’ informazione

| 30 novembre 2010 |

Pulitzer
Il mondo dell’ informazione cambia. Più velocemente di quanto gli stessi suoi analisti e studiosi possano prevedere o anche solo immaginare.

E’ questo il motivo per cui al convegno nazionale sull’ informazione che si terrà a Napoli venerdì prossimo (3 dicembre) è stato dato il titolo di Thinking the Unthinkable (“Pensare l’ impensabile “), ispirato a uno storico articolo di Clay Shirky sul suo blog, dal titolo appunto “Newspapers and Thinking the Unthinkable“.

In quel post – ricorda l’ Associazione Pulitzer, che organizza il convegno – Shirky analizzava la grave crisi del mondo delle informazioni e della carta stampata, mettendo in luce le gravi colpe e la miopia degli editori, incapaci di riuscire a trovare o immaginare modelli di sviluppo nuovi ed alternativi compatibili con le nuove tecnologie. Ecco la necessità di cambiare l’ angolazione della visuale, di “pensare l’ impensabile”.

All’ incontro – che si terrà all’ Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Palazzo Serra di Cassano, Via Monte di Dio 14 – parteciperanno giornalisti, blogger e comunicatori analizzando i mutamenti e l’ evoluzione del giornalismo e del sistema complessivo dell’ informazione nel nostro paese, anche  in conseguenza dello sviluppo della Rete.

Il Convegno, che sarà aperto da Antonio Rossano, presidente Associazione Pulitzer, è articolato in due tavole rotonde tematiche.

La prima, dal titolo “Giornalismo iperlocale e partecipazione” , ospiterà gli interventi di Bernardo Parrella , coordinatore per l’ Italia del progetto internazionale “Global Voices”, Francesco Piccinini , direttore per l’ Italia del progetto europeo di citizen journalism “Agoravox”, Francesca Ferrara, giornalista e coordinatrice dell’ osservatorio regionale sulle culture digitali “Sentieri Digitali”, Alessio Viscardi, giornalista direttore responsabile della testata online “Avanguardie.info”, Paolo Esposito, direttore della testata online “Caffè News”, Giuseppe Rondelli, responsabile NapoliUrbanBlog. Modera la tavola rotonda Eleonora Pantò, esperta di media digitali al CSP di Torino e responsabile comunicazione dell’ Associazione Pulitzer.

La seconda tavola rotonda, dal titolo “Nuovi giornalismi tra libertà e censura”, inizierà con l’ intervento di Guido Scorza, presidente dell’ Istituto per le Politiche dell’ Innovazione di Roma, per seguire con Vittorio Zambardino, giornalista e blogger su Repubblica.it, Vittorio Pasteris, giornalista e docente all’ Università di Torino, Vincenzo Colimoro, presidente  dell’ Assostampa Campana, e Pasquale Popolizio, digital strategic planner alla Fondazione Idis Città della Scienza di Napoli. Modera la tavola rotonda Antonio Rossano.

Nel corso della mattinata sarà presentato anche il progetto “Studenti giornalisti”,  che  vedrà la pubblicazione sul sito online dell’edizione napoletana del quotidiano “Repubblica” di inchieste realizzate da studenti della Facoltà di Sociologia dell’ Università Federico II di Napoli, attraverso il coordinamento e l’ organizzazione dell’ Associazione Pulitzer. A presentare il progetto la Prof.ssa Enrica Amaturo del Dipartimento di Sociologia dell’ Università Federico II e Giustino Fabrizio, capo della redazione napoletana di Repubblica.

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.