CityCool, da Torino una nuova piattaforma di giornalismo partecipativo

| 1 giugno 2010 |

CitycoolUn insieme di comunità locali nate all’ interno di Facebook intorno a pagine di fan relative a città e regioni italiane: è la struttura intorno a cui dovrebbe cominciare a muoversi l’ ultimo esperimento di  citizen journalism in Italia, CityCool .

“Le notizie viste con gli occhi di chi le vive”, è lo slogan di questa piattaforma nata da alcune esperienze accumulate intorno al  SEOLAB di Torino, “per dare la possibilità a tutti di parlare di tutto, per far sì che la gente possa raccontare il proprio territorio e per far partire le informazioni direttamente dalle notizie”.

L’ obbiettivo è molto ambizioso: “far nascere una nuova forma di democrazia 2.0”, e il “manifesto” che illustra il progetto non lesina iperboli.

“Tutti possono scrivere su CityCool, e le informazioni vengono riportate direttamente da chi vive il territorio, da chi abita in un luogo e lo conosce come nessun altro”.

CityCool prevede la creazione di una serie di blog divisi in due categorie:

Blog capoluogo di regione (esempio Torino.CityCool.it) in cui – spiega il sito – si potrà parlare, con separazione in varie categorie (cronaca, sport, tempo libero), degli eventi/accadimenti che avvengono nella provincia a cui il blog fa riferimento.

E blog regionali (esempio Piemonte.CityCool.it) dove ogni autore, proveniente da una città diversa, parlerà di quello che accade nelle città e province, diverse da capoluogo (e quindi Asti, Alessandria, ecc.).

Gli autori (uno a più cittadini per ogni blog) verranno selezionati e curati da uno “staff di redazione” e  dovrebbero poter guadagnare. Naturalmente con la pubblicità che il syuo blog o i suoi post riusciranno a conquistarsi tramite Google AdSense.

“Ogni autore che possiede un account Google AdSense inserirà il proprio codice PUB sul proprio profilo in modo che ad ogni articolo scritto da un Autore corrispondano (all’interno dell’articolo stesso) i banner dal codice fornito”, spiega il sito.

I commenti sono chiusi.