A picco i quotidiani gratuiti in Spagna

| 30 gennaio 2010 |

20minutosDa cinque milioni di copie giornaliere nel 2006 la diffusione è scesa a 2,3 milioni alla fine del 2009 – In un anno un calo del 43% – Rimaste solo tre testate, che continuano a perdere copie

———-

Meno di quattro anni fa, nel 2006, almeno 5 milioni di copie di quotidiani gratuity venivano distribuiti in Sopagna ogni giorno feriale. Alla fine del 2009 questa cifra era crollata a meno della metà: 2,3 milioni. Rispetto al 2008 (3,9 milioni di copie), la diffusione è diminuita del 43%.

Una delle cause – rileva newspaperinnovation.com – è il gran numero di testate chiuse nel paese, con la chiusura di Metro (gennaio 2009) come momento culminante. Ma hanno chiuso anche testate locali a Bilbao, Valencia, Alicante, Malaga, Pamplona, Almeria, Benidorm, Madrid, Mallorca e a Barcelona. Sparito anche, come gratuito, il quotidiano dell’ Iberia, la Gaceta de los Negocios, che è diventato a pagamento.

Ma anche i tre quotidiani rimasti, 20 Minutos, Què! e ADN hanno perso copie. Sia Què! che ADN hanno chiuso numerose edizioni (La Coruna, Mallorca, Murcia, Cartagena, San Sebastian, Santander, Castellón, Huesca, Pamplona, Vigo, Alicante, La Rioja, Cadiz e Jerez).

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.