Link e segnalazioni (22-29/11)

| 29 novembre 2009 |

Quotidiani Usa: nella tabella il precipitare delle vendite

http://newsosaur.blogspot.com/2009/11/carnage-continued-in-q3-newspaper-sales.html
—–
Quotidiani Usa: la diffusione è forse ancora più bassa di quello che sembra

Michael Liedtke, un giornalista economico dell’ AP, spiega che dall’ aprile scorso le regole per il conteggio delle copie diffuse e vendute sono cambiate, a vantaggio degli editori (eng).
http://tech.yahoo.com/news/ap/20091122/ap_on_hi_te/us_newspaper_circulation
—–
Per un giorno leMonde.fr affida ai blogger la sua prima pagina

E’ accaduto venerdì in occasione del quinto anniversario della nascita della piattaforma di blog del giornale (fr).
http://www.journalismes.info/Le-Monde-fr-confie-sa-Une-a-des-blogueurs_a2420.html

—–


I blog non sono morti

Il blogging è sempre in buona salute. Nel barometro dell’ attention marketing rappresenta il 25% del tasso di attenzione, allo stesso livello dei media (detti) di massa.
http://www.groupereflect.net/blog/archives/2009/11/et-pendant-ce-temps-des-blogs.html?parole_d_expert
—–
Gazzettino.it, il web del Nordest

Sull’ Osservatorio europeo di giornalismo una intervista a Carlo Felice Dalla Pasqua, responsabile del sito online del quotidiano veneto (visitatori/mese pari a un milione e duecentomila lettori, con una media giornaliera di circa 45 mila) analizza organizzazione e prospettive della redazione.
http://it.ejo.ch/?p=832

—————–
Libertà di stampa violata, annullata, calpestata. Giornalismo e democrazia con gli studenti della Luiss

Una sintesi del seminario “La libertà di stampa, violata, annullata, calpestata”, che si è svolto il 23 novembre alla facoltà di Scienze della Comunicazione della Sapienza. L’ iniziativa è stata promossa da “Giornalismo e Democrazia”. Vi hanno partecipato Vittorio Emiliani, Mario Morcellini, Roberto Natale, Raffele Fiengo, Marina Garbesi, Mario Tedeschini Lalli, Vittorio Roidi.
http://www.giornalismoedemocrazia.it/2009/11/27/liberta-di-stampa-violata-annullata-calpestatagiornalismo-e-democrazia-con-gli-studenti-della-luiss/

—–

Sul giornalismo d’inchiesta e sulle difficoltà di fare i conti con il nostro sistema giornalistico

In un’intervista rilasciata a Radioradicale.it, Tommaso Tessarolo – Direttore di Current Italia – affronta il tema del giornalismo d’inchiesta e della difficoltà di fare i conti con il nostro sistema giornalistico. via: RadioRadicale.it download: MP3
http://tommaso.tessarolo.it/index.php/2009/11/27/sul-giornalismo-dinchiesta-e-sulle-difficolta-di-fare-i-conti-con-il-nostro-sistema-giornalistico/
—–

Rinasce ‘’Paese sera’’, ma solo online

Paese Sera: un nome che rimanda ad una storia iniziata nel dopoguerra, ad un giornale che a 15 anni dalla sua scomparsa non è stato ancora dimenticato, ad un marchio inconfondibile. Nato alla fine degli anni ’40 come edizione pomeridiana del quotidiano “Il Paese” di Roma, Paese Sera è stato un quotidiano che ha attraversato cinque decenni di storia italiana, con l’attenzione puntata alle questioni civili e ad un modo innovativo di fare cronaca. Paesesera.it riprende oggi quel logo, che ormai è storia, con il tentativo di riallacciarsi allo spirito che fece di quel giornale il giornale dei cittadini, dando voce e spazio a chi vive e lavora a Roma e nel Lazio.
http://www.paesesera.it/index.php/in_corsivo/475/bentornato_paese_sera.html
————

La pace sulla rete

Il ruolo dei social media nella trasformazione e risoluzione dei conflitti. L’utilizzo dei nuovi strumenti di comunicazione da parte di attivisti armeni e azeri, il dibattito nella regione. Un articolo su OsservatorioCaucaso.
http://www.osservatoriocaucaso.org/article/articleview/12188/1/398/

—–

La «guerra a parole» di Murdoch

L’accordo con Microsoft per far fuori Google. Tattica o strategia? Un articolo di Pier Luca Santoro (giornalaio http://giornalaio.wordpress.com/ ) su Filtr.
http://www.bookcafe.net/filtr/articolo.cfm?id=82

——
Anche Johnston Press (Uk) passa ai pagamenti per i contenuti online

La Johnston, il principale gruppo editoriale nel campo dei giornali regionali in UK, comincerà a far pagare i contenuti online di alcune sue testate. Lo ha annunciato nei giorni scorsi l’ Independent. Il nuovo sistema scatterà da lunedì (eng).
http://uk.reuters.com/article/idUKTRE5AP13C20091126

—–

Come Google Wave sta cambiandio l’ informazione

Sebbene sia ancora ad inviti e in fare sperimentale, la nuova piattaforma collaborativa di Google è stata adottata da alcune testate giornalistiche per costruire delle comunità, avviare delle discussioni in tempo reale, per raccogliere fondi, per stimolare la collaborazione fra l’ interno e l’ esterno delle redazioni e per scambiarsi contenuti editoriali (eng).
http://mashable.com/2009/11/22/news-media-google-wave/

—–

‘Wired’ sarà il primo mensile su tablet pc

Condé Nast ha preso molto seriamente i rumor sui nuovi tablet pc, le tavolette/computer che Apple, Hp e altri produttori si preparano a lanciare nel 2010. La casa editrice americana sta lavorando infatti con Adobe per realizzare una versione per tablet pc del mensile ‘Wired’. Lo ha anticipato qualche giorno fa ‘All Things Digital’, il sito tecnologico del ‘Wall Street Journal’.
http://www.primaonline.it/2009/11/23/76445/wired-sara-il-primo-mensile-su-tablet-pc/

———

Studenti di giornalismo a caccia di errori sui media media olandesi

In Olanda gli studenti di giornalismo del quarto anno iscritti alla Fonty University si danno al fact checking, passando al setaccio i media del loro paese e scovando gli errori di fatto che si annidano fra le loro pieghe. I risultati delle loro indagini vengono pubblicate sul blog FHJ Factcheck http://fhjfactcheck.wordpress.com/ . Secondo Théo Dersjant,responsabile del programma, l’ 80% dei media esaminati contengono errori.
http://www.journalismes.info/Les-medias-neerlandais-a-l-epreuve-du-fact-checking_a2381.html

——–

Tendenze del mercato degli ebook: come le case editrici cercano di integrare i libri elettronici nelle loro strategie di vendita

L’ esperto di media e di contenuti John Blossom cerca di delineare una strategia per i produttori che vogliono sfruttare il potenziale dei contenuti realizzati per i libri, e raggiungere un nuovo e più ampio pubblico attraverso gli eBook.
http://www.masternewmedia.org/it/2009/11/27/tendenze_del_mercato_degli_ebook_come_le.htm

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.