La bellezza della carta stampata

| 20 giugno 2009 |


In una lettera aperta ai lettori riportata su Internazionale, lo scrittore Dave Eggers (nella foto) spiega perché ‘’vale la pena battersi per la sopravvivenza di libri e giornali di carta’’ e traccia la fisionomia di un nuovo giornale che dovrebbe uscire dopo l’ estate

———-

È ora di tornare a celebrare la bellezza della carta stampata. Dave Eggers, giovane scrittore statunitense, racchiude in questo invito il progetto per un nuovo giornale di carta che la casa editrice McSweeney’s, da lui fondata a San Francisco, dovrebbe pubblicare presto.

In una lettera aperta ai lettori su ‘’Gawker’’, un blog newyorchese, con il titolo Dave Eggers reassures us that print lives, via email, riportata su ‘’Internazionale’’, Eggers spiega perché  ‘’vale la pena battersi per la sopravvivenza di libri e giornali di carta’’ e traccia a larghe linee la fisionomia del nuovo giornale.

‘’ Vogliamo dimostrare che, con le dovute correzioni, il giornale di carta può ancora funzionare e avere successo. Siamo convinti che per garantire un futuro ai giornali bisogna mettere a punto un modello che stia in piedi, e i giornalisti devono essere pagati bene.

Per prima cosa, quindi, deve essere un giornale a pagamento. Per convincere la gente a comprarlo, però, deve essere un oggetto che esalti la bellezza della carta stampata, lasciando spazio al giornalismo d’inchiesta, alla fotografia, alla grafica e ai fumetti.

Dobbiamo mettere nelle mani dei lettori qualcosa che non troveranno mai su internet: solo così saranno disposti a spendere un dollaro a copia. E quel dollaro, insieme ai ricavi di un po’ di pubblicità, terrà l’impresa a galla.

Se i giornali continueranno a offrire sempre meno, i lettori avranno un motivo in più per non comprarli. Vogliamo che il nostro giornale sia un oggetto così bello e lussuoso che pagarlo un solo dollaro sembrerà un vero affare”.

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.