EveryBlock rende pubblici i suoi codici-sorgente

| 12 luglio 2009 |

everyblock Una grossa opportunità per il giornalismo iperlocale e i servizi di informazione geocodificata

———-

EveryBlock ha reso pubblici in questi giorni i suoi codici-sorgente e questa decisione potrebbe offrire delle rilevanti opportunità ai produttori di informazione locale negli Stati Uniti.  

La tecnologia di "geocoding" utilizzata dal sito (vedi Lsdi, Le notizie locali? Clicca sulla piantina e le trovi zona per zona) può infatti aiutare le redazioni a catalogare i loro articoli con la localizzazione, sviluppando così nuovi servizi di informazione iperlocale, per cui sembra che ci sia una effettiva domanda, spiega Christie Silk  su Editorsweblog.

Il codice, su cui si basa il funzionamento di  EveryBlock.com site functions, permette a chi cerca una notizia di   news seekers to trovare informazioni iperlocali digitando semplicemente il codice postale, l’ indirizzo della strada o dell’ isolato. Il software setaccia le notizie in rete raccogliendo le informazioni secondo criteri di ‘’geo-tag’’, dai delitti ai ristoranti.

EveryBlock.com era stato lanciato nel gennaio del 2008 e ora copre 15 città Usa. Era partito sulla base dei fondi vinti nell’ ambito del  Knight News Grant Challenge, il cui regolamento prevedeva esplicitamente che il codice-sorgente doveva essere pubblicato allo scadere dei termini del finanziamento.

Ora qualsiasi programmatore ha il diritto di riusare parte dell’ intero codice, che può essere di particolare interesse per gli sviluppatori dei servizi di notizie.

Sia il Los Angeles Times che il St. Petersburg Times  sono interessati a sviluppare i codici. Nei mesi scorsi vari giornali avevano stretto accordi con EveryBlock, come il Chicago Tribune e il  New York Times, che ha sviluppato un suo servizio specifico.

A questo punto il codice può essere usato in qualsiasi parte del mondo.

(via  Poynter Online)

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.