Da Parigi a Scampia la redazione di Agoravox Italia?

| 29 settembre 2009 |

agoravox1 Francesco Piccinini, direttore dell’ edizione italiana del sito di giornalismo partecipativo, racconta in una intervista a Scene digitali l’ esistenza di contatti in questo senso con il Comune di Napoli – In progetto anche una edizione settimanale cartacea del lavoro del sito

———–

Agoravox Italia sta ‘’lavorando con il Comune di Napoli per valutare l’ opportunità di trasferire la redazione da Parigi a Scampia’’ e sta valutando l’ ipotesi di uscire anche come un settimanale cartaceo.

Lo annuncia, in una intervista a Vittorio Zambardino su Scene digitali (Repubblica.it), Francesco Piccinini, direttore di Agoravox, una delle principali testate di giornalismo partecipativo che operano nel nostro paese (vedi Lsdi, Agoravox Italia, cinque mesi di giornalismo partecipativo).

Per quanto riguarda il progetto di un trasferimento a Napoli della sede della testata, Piccinini parla con Zambardino del ‘’desiderio di ridare il giornale ai propri lettori ma allo stesso tempo di dare un’opportunità lavorativa al quartiere. Per questo l’idea è di impegnarci ad assumere per la fase non redazionale persone delle municipalità nord della città e allo stesso tempo di creare un indotto nel quartiere’’.

‘’In redazione inoltre – precisa Piccinini -, spesso ci troviamo ad accogliere personaggi più o meno noti. Questo “via vai” animerebbe il quartiere. Un realtà che si integrerebbe con le forze attive sul campo, associazioni, progetti, etc., cercando di dare voce al cambiamento a Scampia. Con l’ obiettivo di diventare un polo per la comunicazione in Italia, valutando la possibilità di svilupparsi verso una web radio e tv, e  un luogo per conferenze e seminari internazionali sfruttando il network di docenti e ricercatori legati allo staff di AgoraVox (MIT, Ecole Superieure de Gestion, Université Paris 5, Université Paris 8, Université Paris X-Nanterre, Université de Marseille, Universitè d’Aix-en-Provence, etc…).

Per quanto riguarda la variante cartacea, Piccinini precisa che ‘’AgoraVox Italia sta lavorando per uscire come cartaceo settimanale. Per ora lavoriamo su due piste, una di un’edizione free press e l’altra come “supplemento” di un quotidiano. Siamo già stati avvicinati da varie persone per entrambe le opportunità’’.

I commenti sono chiusi.