Twitter, come può essere utile ai giornali

| 18 aprile 2008 | Tag:, ,

Il logo di twitter
Cresce il numero dei giornali che usano il sistema di microblogging per fornire servizi di ultime notizie o per incrementare i collegamenti con i lettori – Altri utilizzi

———-

La notizia relativa a un giovane giornalista statunitense arrestato in Egitto per aver fotografato una manifestazione politica, riporta l’ attenzione su Twitter.

Proprio Twitter (la piattaforma di microblogging che consente di pubblicare brevissimi “post” – non più lunghi di 140 caratteri – sul web e di trasmetterli in vari modi, sms, e-mail, web stesso, Rss, ecc.) ha permesso al giornalista –  James Karl Buck -, mentre gli agenti di polizia del Cairo lo stavano ammanettando, di avvertire con una sola parola: “arrested” i suoi amici, che si sono mobilitati contattando anche l’ ambasciata Usa e accelerandone le pratiche di rilascio.

Le caratteristiche di questo nuovo strumento del web stanno interessando da tempo il mondo del giornalismo, soprattutto negli Usa (un appassionato ha contato recentemente 23 quotidiani Usa che usano Twitter in vario modo, fra cui il Los Angeles Times e il New York Times) e in UK.

Qui, qualche giorno fa, un nuovo quotidiano,  il Plymouth Herald ha deciso di usare Twitter per informare i propri lettori sulle ultime notizie.

Ne dà notizia il blog Pressgazette, spiegando che, diversamente da altri siti di informazione che usano Twitterfeed per incanalare i propri feed RSS direttamente su Twitter, il Plymouth Herald confeziona i messaggi su misura per i propri lettori e, in più, consente anche di pubblicare delle pagine di profili personali per raggiungere quegli utenti che amano i siti di social networking.

Il direttore del settore online dell’ Herald, Neil Shaw, racconta che il giornale ha raccolto più di 800 adesioni su Facebook, 400 delle quali sono in un Facebook group,  475 su MySpace e 200 su Bebo.

***

Sul piano del giornalismo insomma, Twitter ( Vedi anche Lsdi, Frivolo Twitter?, assolutamente no) potrebbe essere molto utile.
Nico Luchsinger, un giornalista e blogger, analizza in un un articolo su Onlinejournalismblog, qualcuno degli utilizzi che se ne potrebbe fare.   

Ultime notizie

Per le ultime notizie, prima di tutto. Twitter consente di avere le notizie dell’ ultima ora velocemente e molto presto. Il servizio di notifica sui cellulari è perfetto per ogni tipo di servizio e si può avere a prezzi veramente bassi.

Come ad esempio quello della CNN – cnnbrk -, che è disponibile sempre.

 

Collegamento coi lettori

Twitter può essere usato anche come un canale fisso di dialogo fra giornalista/testata e lettori, con feed in entrambe le direzioni.
Thomas Knuewer, giornalista tedesco dell’ HandelsBlatt, racconta: “Un giorno, mentre stavo facendo delle ricerche per un articolo, mi serviva una informazione specifica. Posi la questione su Twitter e in pochissimi minuti ebbi la risposta". Da allora Kneuwer ha cominciato a usare Twitter, soprattutto quando deve fare una intervista.

"Per orgni intervista – racconta – ricevo dalle 5 alle 10 domande via Twitter. Mi pare che sia un numero altissimo se si pensa che mi seguono solo circa 300 persone".

Aggregazione dei dati

Gli 800.000 e passa utenti di Twitter producono un gigantesco flusso di informazioni ogni giorno e il servizio Twitter API – Application Programming Interface (API) – può consentire di aggregare quei dati per un eventuale uso giornalistico.

Un esempio interessante è il sito Politweets, che ricerca tutti i micropost col nome dei candidati presidenziali Usa e ne fa una classifica. In questo caso l’ utilizzo riguarda uno specifico argomento, ma naturalmente il discorso si può allargare agli argomenti più vari.

Come fa per esempio il sito Hashtags.org, che raccoglie testi da utenti che mettono il cosiddetto "hashtag" cioè il tag preceduto dal segno #(hash).

Oppure ci sono siti che permettono di interpellare direttamente l’ utente di Twitter, come ad esempio Twittpoll  e Twittercensus.
Tra l’ altro, almeno per ora, il servizio di Twitter è completamente gratuito.

———

Sul suo blog LunchOverIp, Bruno Giussani, svizzero, scrittore ed esperto di tecnologie,  segnala un video di 9 minuti che spiega Twitter ( Twitter how-to video),di Sam Harrelson, una pagina di riferimenti di Howard Rheingold qui e una guida sul twittering di Mark Glaser qui).

I commenti sono chiusi.