Mojo: i giornalisti tornano sul campo

| 23 maggio 2008 | Tag:,

Il kit del 'mojo' Più la tecnologia avanza e più i cronisti possono stare sui fatti – Con lo sviluppo del “mobile journalism” c’ è, è vero, un po’ di paura che si allentino le comunicazioni all’ interno delle redazioni: “Non me la sento ancora di lavorare da solo, senza avere un redattore alle spalle”, spiega ad esempio un cronista di Indianapolis – Ma la tendenza negli Usa a tenere fuori i cronisti va crescendo in maniera consistente – Il News-Press di Fort Myers (Florida), che è stato all’ avanguardia del mobile journalism, doterà entro la fine dell’ estate 44 nuovi redattori con un’ attrezzatura completa di laptop, video-camera digitale e registratore audio

———-

Il mobile journalism – il giornalismo fatto con gli strumenti tipici della comunicazione in movimento, cellulari, Blackberry, videocamere, portatili, ecc. – sta contribuendo a cambiare i processi di lavoro nelle redazioni.

Lo testimonia una Ricerca condotta da un esperto di Editor & Publisher, Joe Strupp,  che spiega come tutto questo stia avvenendo e soprattutto quali effetti avrà in futuro sui meccanismi di produzione redazionale (vedi anche Jarvis: Mobile devices to fundamentally change journalistic work).

Un numero crescente di giornali, soprattutto negli Usa, stanno infatti già impiegando dei “mobile giornalisti”, definiti anche – come ricorda Jean Yves Chainon su Editors weblog – come ‘mojos’.

Più la tecnologia avanza e propone strumenti per catturare e trasmettere sempre meglio dati ed elementi su vicende in corso, e più i cronisti possono stare sul terreno, producendo per le redazioni articoli e servizi dal posto.

Qualche direttore teme che tutto questo potrebbe condurre a un allentamento del controllo degli errori o delle imprecisioni. "Stando in una redazione si è indotti a collaborare con gli altri e questo è un grosso beneficio”, osserva Tim Franklin, direttore del Sun di Baltimora.

Ma è chiaro che ai cronisti verrà richiesto sempre più di lavorare da una postazione remota, da lontano.

The News-Press di Fort Myers è stato all’ avanguardia del mobile journalism (Lsdi ne ha parlato nel marzo 2006 in Nascono i ‘mo-jo’, giornalisti mobili).

Il giornale, con una vendita di circa 70.000 copie, progetta di dotare 44 nuovi redattori con un’ attrezzatura completa da ‘mojo’ – laptop, video-camera digitale e registratore audio – a partire dalla fine dell’ estate.

"Tutti hanno un cordone ombelicale con il desk”, spiega il direttore del News-Press, Kate Marymont. "Almeno l’ 80% dei reporter lo hanno attraverso il portatile”.

In molti casi, la pratica ‘mojo’ porta a trasmettere immediatamente gli articoli, aggiornandoli semmai a mano a mano tipo blog. Molti cronisti sembrano contenti di tornare sul campo e di poter scrivere sui fatti nell’ immediatezza.

Tuttavia molti redattori e reporter sono ancora preoccupati dall’ emergere di queste pratiche. “Non me la sento ancora di lavorare da solo, senza avere un redattore alle spalle”, spiega un cronista dell’ Indianapolis Star.

E anche i costi possono dissuadere, secondo il direttore di Democrat & Chronicle, Karen Magnuson: 15.000 dollari per l’ attrezzatura da giornalista mobile, fra video-camera, registratore audio, laptop, cellulare e vari altri gadgets.

Ma diversi giornali sanno comprando i relative kit a costi molto più bassi e, nonostante i timori di un potenziale deterioramento delle comunicazioni all’ interno delle redazioni, la tendenza porta al “mobile journalism”.

I commenti sono chiusi.