Controproducente l’’oggettività?

| 18 gennaio 2008 |



La tesi di un ricercatore dell’ università di Duke – La pretesa neutralità dei media tradizionali porterebbe a tacere una parte delle informazioni disponibili

———

La pretesa dell’ obbiettività propria dei media tradizionali li può spingere a non divulgare tutte le informazioni di cui essi dispongono. E’ quanto afferma Jeremy Burke , dell’università di Duke, in un saggio (pdf, eng) ancora inedito.

Ne parla su Observateur-des-médias Nicolas Kaiser-Bril, spiegando che, secondo questa tesi, i media avrebbero paura di apparire come parziali se diffondessero delle informazioni troppo vicine a un punto di vista controverso. L’ importanza che accordano alla loro reputazione li spinge allora a preferire una linea un po’ insipida rispetto a delle prese di posizione nette e forti.

L’ articolo analizza anche la moltiplicazione delle fonti di informazione, in particolare i blog. Secondo il modello di Burke, i redattori avrebbero interesse a dirne il meno possibile perché il loro messaggio, perso nella massa dei segnali simultanei, sembrerebbe troppo parziale ai lettori senza poter influenzare sensibilmente l’ insieme della popolazione.

Infine, il saggio mostra che una stampa meno preoccupata dell’ obbiettività faciliterebbe la diffusione dell’ informazione. Tutto comunque – rileva Kaiser-Bril – resta teorico e le supposizioni che stanno sotto le dimostrazioni lasciano a desiderare.

I blogger, per esempio, sono sempre ritenuti sotto-informati rispetto ai grandi media. Significa dimenticare i blogger professionisti, che per definizione sono più vicii al terreno dei giornalisti. D’ altra parte, i giornali del modello-Burke cercano di influenzare la popolazione per fargli prendere una buona decisione più che a fare dei benefici.

Se si dovesse integrare delle considerazioni economiche a questo modello, si arriverebbe – secondo Kaiser-Bril – alla posizione di Jean François Kahn, che spiegava giorni fa su Le Monde:
‘’La stampa ha perduto molto abbandonando la polemica. Il consenso generale è mortifero. La sinistra sociale non ha più giornali, i centristi-democratici-crstiani e i gollisti idem, ecc. Ed ecco come si perdono lettori’’.

(via Marginal revolution, MR)

Leggi anche:

  • Finale di partita per i giornali Fogli meno “pesanti”, con cadenza non quotidiana, fatti soprattutto di analisi e di inchieste, e diretti ai lettori incalliti e “drogati” di informazione - Philip Meyer, l’ autore di “The […]
  • Giornalismo digitale: il ruolo dei linguaggi non verbali della Rete di Nicola Amato (da Infocity) L'evolversi delle comunità virtuali, nonchè l'esplosione delle interazioni su Internet, necessitano di ulteriore considerazione dal punto di vista degli atti […]
  • Giornalismo digitale: il ruolo dei linguaggi non verbali della Rete di Nicola Amato (da Infocity) L'evolversi delle comunità virtuali, nonchè l'esplosione delle interazioni su Internet, necessitano di ulteriore considerazione dal punto di vista degli atti […]
  • Chi ha ucciso la blogosfera? Se lo chiede Nicolas Carr, celebre blogger e scrittore americano, ma è una domanda retorica: è morte naturale - I maggiori blog, commenta Narvic, sono in via di normalizzazione e di […]
  • Il giornalismo è morto, viva il giornalismo In realtà a morire sono ancora e sempre i giornalisti, quelli veri, che per riuscire a documentare la realtà, quella più complessa e non raccontabile se non attraverso le informazioni […]

I commenti sono chiusi.