I tagli alle redazioni hanno impoverito i quotidiani Usa

| 24 luglio 2008 | Tag:, , , ,

out-101.jpg Uno studio del Project for Excellence in journalism documenta come i brutali tagli alle redazioni dei quotidiani Usa stiano facendo già sentire i suoi effetti sulla qualità dell’ informazione – Ridotti i servizi nazionali e quelli dall’ estero, tagliate le notizie su arte e scienza (e persino le pagine con le quotazioni azionarie o i programmi tv), i giornali “cominciano a diventare delle letture di nicchia”

———-

I recenti, brutali tagli nelle redazioni Usa stanno cominciando ad avere effetto sulla qualità dei quotidiani. Lo rileva una Ricerca del Project for Excellence in Journalism, intitolata "The Changing Newsroom: What is Being Gained and What is Being Lost in America’s Daily Newspapers", secondo cui “i giornali Usa stanno restringendo il bacino di lettori e le loro ambizioni, cominciando a diventare delle letture di nicchia”.

Una tabella Gli articoli sono più brevi e l’ attenzione tende a concentrarsi su vicende locali – osserva lo studio, precisando che i giornali seguono meno le notizie dall’ estero, quelle nazionali e quelle di scienza ed arte, e molti hanno ridotto persino le sezioni dedicate alle parole crociate ed eliminato i programmi della tv e i titoli di borsa. Ai cronisti viene chiesto di seguire più di un fatto contenporaneamentre mentre i direttori cercano di combattere contro la carenza di organici redazionali.

Lo studio – rileva Mark Fitzgerald su Editor&Publisher – conferma fra l’ altro che per molti versi l’ industria dei quotidiani è composta di due settori diversi: i giornali delle grandi città, che stanno subendo i colpi più duramente e i quotidiani più piccoli che sono in sofferenza ma che nonostante tutto riescono a resistere.

L’ 85% di rappresentanti dei giornali con più di 100.000 copie di diffusione hanno compiuto tagli negli ultimi tre anni, mentre quelli più piccoli lo hanno fatto solo nel 52% dei casi.

I settori redazionali più colpiti dai tagli sono i redattori incaricati di controllare eventuali errori e in accuratezze prima della pubblicazione. Quattro giornali su 10 (il 42%) li hanno ridotti negli ultimi tre anni, mentre solo il 12% li hanno aumentati. Nei grandi giornali la situazione peggiora, con il 67% che hanno subito tagli in quel settore, contro il 2% che li hanno potenziato.

“Un altro settore molto colpito dai tagli – precisa il Rapporto – è quello fotografico. Il 31% dei giornal hanno tagliato sui fotografi e solo il 12% li hanno aumentati. Nei giornali più grandi il trend è più pronunciato con la maggioranza delle testate (il 52%) che hanno operato tagli nel settore fotografico e solo il 6% che l’ hanno potenziato”.

Ma nonostante tutto questo – racconta Katherine Thompson su Editor’s Weblog – il 56% dei direttori sono convinti che il loro prodotto attuale sia migliore di quello di tre anni fa, perché la copertura delle notizie e dei servizi è più mirata. Solo il 5% dei direttori interpellati hanno poi detto di essere in grado di immaginare che cosa saranno diventate le redazioni fra cinque anni.

Lo studio del Project for Excellence in Journalism è stato realizzato interpellando 250 dirigenti editoriali di oltre 250 quotidiani e i direttori dei giornali di 15 città Usa. Il campione include il 50% dei giornali Usa con una diffusione di 100.000 o più copie quotidiane e il 30% di quelli che hanno una diffusione fra le 50 e le 100.000 copie.

Lo studio è consultabile su  http://www.journalism.org/node/11961

I commenti sono chiusi.