USA: I MAGAZINE SPOSTANO RISORSE DALLA CARTA ALL’ ONLINE

| 31 marzo 2007 |

Anche U.S. News & World Report, il terzo settimanale statunitense per diffusione, segue il trend di Time e Newsweek e si focalizza sul restyling delle versioni elettroniche – Si dimette il direttore Brian Duffy – In cinque anni lo staff redazionale ridotto del 20-25%

——————-

(m.b.b.) – New York – Si dimesso il direttore di U.S. News & World Report, il terzo settimanale statunitense per diffusione dopo Time e Newsweek. Brian Duffy, 52 anni, lascia il timone al suo numero due, Brian Kelly, anche lui 52enne.

Sotto la direzione di Duffy, U.S. News & World Report ha spostato in maniera massiccia le risorse dall’ edizione cartacea – la cui distribuzione rimasta sostanzialmente inalterata – a quella online. Secondo una portavoce di U.S. News & World Report, da quando Duffy ha preso le redini della rivista, nel 2001, lo staff redazionale stato ridotto dal 20 al 25%. E i licenziamenti hanno toccato anche personale amministrativo e di supporto, oltre che firme conosciute, come il capo dei cronisti politici, Roger Simon, andatosene nel 2005. “Adesso come adesso, tutto il settore sta andando in questa direzione – spiega Duffy – abbastanza demoralizzante, ci pu rattristare, ma si pu anche cercare un nuovo modello”.

L’ex direttore, che a U.S. News dal 1986, con una breve parentesi come giornalista investigativo al Washington Post e al Wall Street Journal, spiega che la sua decisione di lasciare non dovuta alla politica dei tagli, ma al fatto che deve completare un libro sulla rivoluzione americana che verr pubblicato da Simon & Schuster. U.S. News & World Report, rivista dalla linea editoriale conservatrice di propriet del re del mattone Mortimer Zuckerman, che controlla anche The Daily News di News York, nata nel 1933 come United States News e nel 1948 si unisce a World Report.

Il settimanale, che spesso critica gli argomenti troppo “leggeri” messi in copertina dai concorrenti, segue lo stesso trend di Time e Newsweek nel focalizzarsi sul restyling delle versioni elettroniche delle pubblicazioni.

Dei tre, in base alle rilevazioni di Nielsen/Net Ratings, Newsweek ha il pi grande bacino di utenza telematica con 6,4 milioni di visitatori in febbraio, rispetto ai 4,3 di Time e all’1,2 di U.S. News. Confrontando i dati con quelli dell’anno scorso, si scopre che il traffico di tutti i siti cresciuto di pi del 50% rispetto ad un anno fa.

“I vecchi dinosauri mediatici stanno andando avanti, e questo incoraggiante – commenta Kelly, il neo direttore, che aveva conosciuto Duffy al Washington Post – e mi piace pensare che questo dovuto al fatto che i vecchi brand stanno cercando a tradurre il loro stile e I loro contenuti per il web, perch la gente cerca le stesse cose che leggeva nell’edizione cartacea”.

I commenti sono chiusi.