UNA ‘RETE SOCIALE’ PER I GIORNALI

| 21 agosto 2007 |


City Tools ha realizzato un servizio che consente ai giornali di mettersi in rete per condividere contenuti e servizi come i piccoli annunci pubblicitari e creare automaticamente delle rubriche collaborative

———————-
City Tools ha realizzato un servizio che consente ai giornali di mettersi in rete per condividere contenuti e servizi come i piccoli annunci pubblicitari e creare automaticamente delle rubriche collaborative. Si tratta del primo ”social network” specifico per editori di giornali.

Lo segnala, fra gli altri, Benoit Raphael sul suo blog ‘Demain tous journalistes?”, spiegando che, con un abbonamento mensile (650 dollari, cio molto meno di un abbonamento a una agenzia di stampa) gli editori hanno a disposizione una rete collettiva che possibile calibrare su misura: ciascuno infatti pu scegliere sia i contenuti da mettere in comune sia i propri partner editoriali. E pu, soprattutto, creare un servizio tematico collettivo inviando gli altri partner della rete a riversarvi i propri contenuti su quel tema.

La rete pu essere chiusa (solo i media partner vi hanno accesso) oppureaperta (chiunque pu partecipare).
Si tratta – secondo Benoit Raphael – di una sorta di ‘’hub’’ editoriale, che consente ai media disviluppare in comune dei robusti contenuti verticali e di andare a individuare dei mercati di nicchia.

‘’Per esempio – chiarisce – se avete bisogno di creare un servizio sull’ economia agricola oppure sulle collezioni di automobili ma vi mancano i contenuti, create un ‘’hub’’ che consentir a tutti di aggiungere i propri articoli e le proprie foto sul tema’’.
Il servizio funzioner poi come una sorta di agenzia di stampa. Ciascuno si serve e distribuisce i contenuti come meglio crede (carta, web, cellulare…, free o a pagamento, ecc.).

Per il momento il servizio propone solo testi e foto, non ancora video. E lo stesso vale per i piccoli annunci.

Secondo Raphael, si tratta di uno strumento molto interessante, per i giornali isolati, di creare la massa critica necessaria per lottare contro i giganti dei piccoli annunci senza dover vendere la propria anima.

Citizen journalism locale

Ma City Tools va ancora pi lontano: il servizio consente non solo agli editori ma anche agli internauti di unirsi alla danza. Qualunque internauta pu sottoporre le proprie informazioni. Lo scopo? Avere la possibilit di essere notati e pubblicati dai grandi giornali che partecipano alla rete.

E non solo. Per evitare che le informazioni si perdano nell’ oceano delle news, l’ internauta invitato a crearsi un suo proprio gruppo di intervento: per localit, per temi di interesse (per esempio un gruppo interessato al calcio) o per associazione.

Il servizio, a parere di Raphael, ancora ‘’un po’ complesso e arido, ma permette ugualmente di pubblicare e condividere le informazioni iperlocali di carattere pratico. E’ comunque ingegnoso, in quanto gli utenti posono creare delle proprie liste su tutto. I migliori film d’ azione, i quartieri pi pericolosi, gli attori pi belli, i migliori ristoranti in citt, ecc. Si possono collegare le liste fra loro o combinarle per creare dei superlenchi collettivi.

La magia della rete…

L’ idea appassionante, ma l’ interfaccia ancora troppo flou.

L’ alchimia complessa ma inventiva. Resta da vedere se la magia funzioner. Il Washington Post comunque sta gi per testare il servizio.

I commenti sono chiusi.