TUTTI GORNALISTI, E PER GIUNTA IN DIRETTA

| 23 luglio 2007 |



Le piattaforme di video-streaming permettono di inserire su internet filmati in tempo reale con grande semplicità – Alla presentazione dell’ I-Phone sono arrivati per primi i testimoni non addetti ai lavori – Una riflessione di Benoit Raphael

————-

Non solo ‘’tutti giornalisti’’, ma ‘’tutti giornalisti in diretta’’? Se lo chiede, paradossalmente ma non troppo, Benoit Raphael che nel suo blog ‘’Demain tous journalists?’’, citando un post di Jeff Jarvis, fa riferimento alla copertura mediatica della presentazione dell’’ I-Phone, avvenuta qualche giorno fa negli Usa.
Chi ha lavorato meglio? osservaRaphael, ‘’i media? No… le persone.
E, cosa ancora pi affascinante, questo incredibile reportage collettivo si svolto in diretta’’.

Su Twitter, naturalmente, il sistema di microblogging (e quindi di reportage) che permette di raccontare quello che uno sta facendo e dove lo sta facendo in diretta sul Net attraverso il proprio cellulare.

Ma soprattutto in video. Gli strumenti non sono ancora molto conosciuti in Europa mentre negli Stati Uniti le piattaforme di video-streaming (come ustream.tv) si moltiplicano e sono in grado di far concorrenza a YouTube e DailyMotion.

L’ era dei “testimoni cronisti”

Il pi sorprendente fra di essi Justin-TV. Su questa piattaforma alcuni internauti filmano la loro vita in diretta, 24h/24 e 7g/7. Un vero auto-tele-reality. E’ cos che I-Justine, munita di un computer portatile e della sua piccola camera, ha filmato in diretta l’ avvenimento.
Molto ingegnoso: una finestrina posta a destra dello schermo permette agli internauti di commentare o di interagire con quello che vedono via via sui loro monitor.
Pi rapidi della tv, I ‘’testimoni-cronisti’’ erano i primi sull’ avvenimento. Meno caro. Niente automezzi satellitari o grosse telecamere. Solo una borsa col poratile.
Jeff Jarvis ha immaginato il futuro: con un GPS e il SMS si potr addirittura avvertire questi reporter in diretta, cio noi e voi, con un messaggio Sms e dire loro, per esempio: ‘’Senti, stai vicino all’ aeroporto di Glasgow, dove appena stato fatto un attentato, non che potresti mandarmi qualche immagine col tuo cellulare?’’.
Immaginate ancora, continua Jarvis, un muro di immagini alla CNN, con centinaia di video in diretta che filmano la vita dovunque nel mondo.

Il futuro non solo il video, ma il video in diretta.

Quando Internet reinventa il live. Quando le persone rinventano la diretta.

Mentre la stampa di tanti paesi pena nel cercare di formare i suoi giornalisti alla scrittura web, o, peggio, si lacera per capire se pubblicare o meno il contenuto del giornale online, ecco che arriva la prossima rivoluzione del Net : il live.

I commenti sono chiusi.