Il cinismo del “‘’grande”’’ Bill Gates

| 16 novembre 2007 |


Una raffica di licenziamenti – 160 persone – in un’ agenzia fotografica rilevata da Corbis viene osannata come ‘’un’ importante passo verso il profitto’’ – Un commento di Pino Granata

—————-

Neanche una settimana dopo aver speso alcune decine di milioni di dollari per comprare l’agenzia fotografica canadese Veer, Corbis la megagenzia di Bill Gates, annuncia il licenziamento di 160 dipendenti, il 16% della forza lavoro.

Ne dà notizia Pino Granata in un editoriale su ‘’potere fotografico’’ (vedi articolo su Lsdi).

Ora – prosegue Granata – a parte il fatto che in paesi come la Francia, l’Italia e la Germania una decisione del genere costerebbe a Kaiser Bill uno sciopero di qualche settimana che paralizzerebbe l’attività di quest’agenzia, quello che sorprende è il tono quasi trionfale dell’annuncio: "Quest’azione è un’importante passo verso il profitto".

C’è cinismo e cinismo, ma questo a noi sembra insopportabile.

Quello che importa a Bill Gates (poveretto) è il profitto e dei dipendenti licenziati non gliene può fregar di meno.

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.